Basket: presentazione We’re Basket Ortona-XL EXTRALIGHT® Montegranaro

2' di lettura 29/03/2017 - Penultima trasferta della stagione regolare per la XL EXTRALIGHT®, che domani sera (palla a due ore 20.30) sarà di scena al PalaMelilla di Ortona contro la We’re Basket. Partita da non fallire per i gialloblu, che potranno approfittare del contemporaneo scontro diretto tra Lions Bisceglie e Globo Infoservice Campli per provare ad allungare almeno su una delle due squadre al momento appaiate al secondo posto.

Non sarà facile, però, per la squadra di coach Ceccarelli, in primis perché si presenterà in terra abruzzese ancora una volta con le due pesantissime assenze di Vincenzo Di Viccaro (stiramento al polpaccio) e Marcelo Dip (infortunio al ginocchio). E poi per l’indubbio valore della formazione di coach Daniele Quilici, costruita per puntare almeno ai playoff ma che tra infortuni e problemi vari non è riuscita a mantenere le aspettative estive. I biancoblu hanno ancora flebili speranze di agganciare la post season, ma dovranno soprattutto guardarsi le spalle per non venire risucchiati nella zona playout.

Di sicuro, però, gli interpreti del roster della We’re sono di primissimo livello. Dovrebbe essere out per infortunio il faro della squadra, Fabrizio Gialloreto, giocatore abile a costruire dal palleggio ma anche a mettere in ritmo i compagni: 16,1 punti col 40% da 3 e 3,1 assist per il play-guardia, una perdita pesantissima per Ortona. E allora più responsabilità offensive a Luca Castelluccia, ala dalla mano calda dall’arco (14,4 punti di media col 38% da 3) e Gianluca Di Carmine, vero all around del parquet (12,7 punti, 9,1 rimbalzi, 3,1 assist a partita).

In cabina di regia, molto passa dalle mani di Victorio Musso (9,4 punti, 4,3 rimbalzi, 4,5 assist), spostato stabilmente nel ruolo di playmaker, con Fehmi Abassi (2,1 punti a sera) a coprirgli le spalle. Il tiratore Alex Martelli (5,3 punti ad allacciata di scarpe) e l’ultimo arrivato Nicolò Bertocco (6,6 punti di media) completano il pacchetto esterni, mentre sotto canestro il totem è Raffaele Martone (7,3 punti col 68% da 2 e 5,4 rimbalzi), con Alessio Di Carmine e Alessio Agostinone a completare le rotazioni. Squadra discontinua, ma profonda e di talento e che in casa sa spesso esaltarsi, come testimoniano i successi su San Severo e Pescara. Ma la Poderosa non ha alternative: vincere per continuare a volare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2017 alle 21:38 sul giornale del 31 marzo 2017 - 892 letture

In questo articolo si parla di sport, poderosa montegranaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aH1a





logoEV
logoEV