"Amandola mia", un piccolo omaggio di un giovane autore

3' di lettura 18/03/2017 - Marco Squarcia, giovane amandolese, dedica una poesia alla sua città.

Classe 1987, autore di libri per bambini e commedie, attore e sportivo.

Amandola mia,
te vurrio portà via.
Pijatte pè mano,
e assieme arrivà lontano.
Perché si bella comme lu sole,
resprenni de luce propria che lasci senza parole.
Si antica comme lu munnu,
che dè un postu cusci vellu.
Te s’i pogghiata là sotto,
quelle montagne che te protegge e te risplenne,
comme na madre co lu panciotto,
che te vole tanto vene, non te sorprenne.
Si nata che eri na frichina,
te si fatta grossa diventenne na signora,
contavi più avitanti de Roma capitolina,
la Regina de li Sibillini, eri allora.
Crescenne te si’nvecchiata,
li paesà tui a lu mare se so’ fatti na scampagnata,
ma tu si rmasta fiera e coccolata,
a spettalli alzata.
Glie si raperto le vraccia,
vaciati sulla faccia,
stretti su lu core,
con tanto ammore.
Amandola mia tu si na perla,
per chi vorrebbe avella,
incastonata nell’occhi de chi t’osserva,
e nella mente de chi t’ama senza riserva.

Traduzione:
Amandola mia ,
ti vorrei portare via.
Prenderti per mano,
ed insieme arrivare lontano.
Perché sei bella come il sole,
risplendi di luce che lasci senza parole.
Sei antica come il mondo,
che è un posto così bello.
Ti sei appoggiata là sotto,
quelle montagne che ti proteggono e ti risplendono,
come una madre con il pancione,
che ti vuole tanto bene, non ti sorprendere.
Sei nata che eri una bambina,
ti sei fatta grande diventando una signora,
contavi più abitanti di Roma capitolina,
la Regina dei Sibillini, eri allora.
Crescendo ti sei invecchiata,
i tuoi compaesani al mare se ne sono andati a fare una scampagnata,
ma tu sei rimasta fiera e coccolata,
ad aspettarli in piedi.
Hai loro aperto le braccia,
li hai baciati sulla faccia,
stretti al tuo cuore,
con tanto amore.
Amandola mia tu sei una perla,
per chi vorrebbe averti,
incastonata negli occhi di chi ti osserva,
e nella mente di chi ti ama senza riserva.

https://www.facebook.com/marcosquarciascrittore/








Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2017 alle 06:33 sul giornale del 20 marzo 2017 - 2035 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesia, andrea leoni, fermo, amandola, vivere fermo, sisma, articolo, terremoto centro italia, marco squarcia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHy8





logoEV
logoEV