Calcio: intervista al capitano canarino Marco Comotto

3' di lettura 16/03/2017 - Alla vigilia di una gara molto attesa, il big match tra la prima e la seconda forza del campionato, è il capitano canarino Marco Comotto a prendere la parola in casa gialloblù.

Iniziate da parte degli atleti canarini le visite alle scuole calcio e alle scuole cittadine Gli atleti canarini hanno iniziato a recarsi presso le Scuole e le Scuole Calcio di Fermo per consegnare ai ragazzi i biglietti omaggio per assistere domenica alla gara Fermana – Matelica in Curva Duomo insieme ai tifosi. Grande entusiasmo all’AFC Fermo quando bomber Hernan Molinari e capitan Marco Comotto hanno incontrato i giovani atleti. Il difensore Francesco Bossa insieme al Dirigente Accompagnatore Enrico Guidi e all’Assessore allo Sport Alberto Scarfini hanno visitato invece nella mattinata di oggi i plessi delle elementari Don Dino Mancini e Salvano invitando allo stadio tutte le classi dalla prima alla quinta.

Parla il capitano della Fermana, Camotto:
“In questo torneo la continuità sta facendo la differenza: per il momento sembra che abbiamo trovato una buona via e non molliamo mai niente. Dove siamo ora ce lo siamo meritati, anche se in mano di fatto non abbiamo ancora nulla”
“Non consideriamo domenica un match ball. Anzi, dovremo fare molta attenzione: tutte le restanti partite saranno difficili. Sarebbe un errore gravissimo pensare che questa sia la partita decisiva, qualunque sia il risultato finale. Dovremo comunque pensare che ci sono ancora tantissimi punti a disposizione – ha proseguito il difensore - Come ogni domenica il nostro compito è scendere in campo per provare a vincere, con i nostri mezzi e le nostre caratteristiche, inclusi qualità e limiti. Siamo un gruppo forte, fatto di giocatori che fino all’ultimo danno l’anima in campo. Questo tutti lo stanno apprezzando e la testa della classifica è stata un fantastico premio”.
“Sicuramente a inizio stagione le previsioni erano altre: il Matelica sulla carta aveva allestito una rosa nettamente superiore alle altre contendenti, ma il calcio è bello anche per questo. Non bastano i nomi e ci sono tante altre componenti che possono fare la differenza. Sappiamo che per i nostri avversari sarà una partita vitale: sono fortissimi in ogni reparto, hanno giocatori navigati, proveranno di sicuro a farci male in ogni modo – il commento di Comotto – noi dobbiamo pensare solo a noi stessi. Certo che ci farebbe piacere riscattare la sconfitta dell’andata ed il suo passivo immeritatamente pesante. Da quello stop è ormai però passato un girone e molte cose sono cambiate. Facendo tesoro dei nostri sbagli siamo maturati tantissimo, trovando la nostra forza anche nell’affrontare compatti ogni emergenza”. “Domenica proveremo a dare tutto quello che abbiamo per portare a casa i tre punti – ha concluso il Capitano – voglio ringraziare i nostri tifosi che ci stanno dando una grandissima mano. Grazie a loro sembra sempre di giocare in casa. Sapere di poter contare sul loro affetto ci trasmette anche in campo una grandissima carica: siamo consapevoli che quando andiamo in campo lo facciamo anche per loro”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-03-2017 alle 19:06 sul giornale del 17 marzo 2017 - 729 letture

In questo articolo si parla di sport, fermana calcio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHv4





logoEV
logoEV