Basket: Amatori Pescara-XL EXTRALIGHT® Montegranaro 58-60

poderosa basket 6' di lettura 27/02/2017 - Dopo le scintille verbali dei giorni scorsi, è tempo di basket giocato, è tempo di big match per la XL EXTRALIGHT®, che il 26 febbraio ha fatto rotta verso sud per affrontare la Amatori Pescara.

Partita che, come nella passata stagione, ha peso specifico elevatissimo: a scontrarsi, infatti, sono prima e terza della classifica del girone D, anche se il divario in favore della Poderosa è di quelli importanti. Sono ben 8, infatti, i punti che dividono la “lepre” gialloblu dall’inseguitrice biancorossa, che non può permettersi di perdere ulteriore terreno se vuole tenere aperti i giochi per le primissime posizioni. Un’altra sconfitta, infatti, per gli abruzzesi non solo significherebbe l’addio ad ogni velleità di primo posto, ma rischierebbe anche di compromettere la volata verso il secondo, al quale per ora sono saldi i Lions Bisceglie. Alla Amatori, infatti, è costato caro lo scivolone di domenica scorsa in quel di Ortona, ko che ha fatto scendere i pescaresi a -2 dai pugliesi.
Non ha bisogno di grandi presentazioni il roster a disposizione di coach Giorgio Salvemini, che ha mantenuto l’intelaiatura della squadra che lo scorso anno portò la Poderosa fino a gara 5 nella serie di finale playoff. Il pericolo pubblico numero uno, oggi come allora, è la guardia Simone Pepe, che dopo un inizio di stagione così così ha ricominciato a infilare prestazioni monstre una dietro l’altra: i suoi oltre 22 punti a partita dicono tutto di un giocatore capace di colpire in tutti i modi, in primis dall’arco. Sotto canestro dà solidità la coppia formata da Emidio Di Donato e Andrea Capitanelli: ala esplosiva ma con buona mano dall’arco il primo, lungo filiforme con movimenti in post basso e braccia chilometriche da usare su entrambe le metà campo. In cabina di regia i ritmi li detta tutta l’esperienza di Stefano Rajola, vero allenatore in campo per la squadra biancorossa. Della “vecchia guardia” è rimasto anche il lungo con la mano morbida da fuori Matteo Bini, mentre i nuovi rispondo ai nomi di Pasquale Battaglia, atletico esterno scuola Reggio Calabria, Andrea Grosso, play-guardia ex Jesi e Senigallia tornato nella città in cui vinse la serie C1 da capitano, e Paolo Pelliccione, ala cresciuta nel vivaio pescarese prima di girovagare per l’Italia. Una formazione che ha qualità individuali, coesione ed esperienza per fare bene, specie davanti ad un PalaElettra che si annuncia caldo come nei giorni migliori. Per la XL EXTRALIGHT®, invece, una partita spartiacque: una vittoria la lancerebbe in orbita nella corsa al primo posto e sarebbe un ottimo viatico in vista della sfida di Coppa Italia di venerdì prossimo a Ozzano dell’Emilia contro la Co.Mark Bergamo.

La XL EXTRALIGHT® sbanca Pescara soffrendo fino all’ultimo tiro, quello per la potenziale vittoria dei padroni di casa fallito da Pepe, e si prepara alla trasferta di Ozzano dell’Emilia per i quarti di Coppa Italia contro la Co.Mark Bergamo (venerdì ore 20.45) con una bella iniezione di fiducia.

Partita di grande sostanza da parte della formazione di coach Ceccarelli, penalizzata dalle brutte percentuali ma solida prima di tutto mentalmente per lottare colpo su colpo in una partita dall’intensità da playoff. Tre i grandi protagonisti del successo veregrense al PalaElettra: un pimpante Paesano, che nella giornata-no di Dip sfodera una performance da 14 punti con 7/8 al tiro e tanta energia; un principesco Broglia, solita arma totale per scardinare il fortino pescarese (12 punti, 8 rimbalzi, 5 assist); ma soprattutto uno straordinario Gueye, che mette la museruola a Pepe (20 punti ma 7/19 dal campo) e lancia l’attacco gialloblu a suon di triple (ben cinque); È proprio la guardia ex Jesi a lanciare con due triple l’ottimo avvio della Poderosa, che scatta dai blocchi sul 7-13 dopo soli 4’. Coach Salvemini si gioca subito la carta della zona 2-3, che disorienta i gialloblu tenendoli all’asciutto per oltre 6’. L’Amatori, però, non è che faccia molto meglio, almeno fin quando Pepe non accende i reattori nel secondo quarto: sono due suoi canestri a metà secondo quarto a spingere Pescara nel parziale di 8-0 che fa mettere la freccia agli abruzzesi (27-23 al 16’).

La XL EXTRALIGHT®, tutto sommato, costruisce anche buoni tiri contro la spigolosa difesa dei padroni di casa, ma fa una fatica tremenda a trovare il fondo della retina. Così, nel terzo periodo Pescara prova addirittura la spallata: una tripla di Battaglia spinge sott’acqua una Poderosa in palese difficoltà (36-27 al 22’), ma proprio nel momento di massima difficoltà i gialloblu si ritrovano. Quando cuore, lucidità e nervi saldi sono sorretti da ottime percentuali, la Poderosa diventa irresistibile: risultato è un break di 7-25 che trasportano quel +9 dalla parte dei veregrensi (43-52 al 31’). Fatta? Neanche per sogno. Pepe e Bini rimettono in carreggiata l’Amatori e la tensione sale alle stelle nei minuti finali, con gli attacchi paralizzati da contatti ruvidi e paura di sbagliare.

Due liberi di un Broglia glaciale sono ossigeno in vista del rush finale (58-60 a 1’07” dalla sirena) e con Pescara a pasticciare in attacco, i gialloblu si ritrovano in mano l’occasione di chiudere i conti o quasi. Il colpo della staffa lo prova Diomede, che va corto col tiro in faccia a Bini dal mezzo angolo, e allora è Pepe a giocarsi l’azione che vale l’intera posta: il capocannoniere del campionato punta Gueye, che però gli oscura la vallata e lo costringe ad un tiro dall’altissimo coefficiente di difficoltà: la preghiera del bomber pescarese non viene accolta, la vittoria veregrense, sudata ma voluta e meritata, si fa vera. Pescara scivola al quarto posto a -10 dalla XL EXTRALIGHT®, la quale invece consolida la prima piazza con 6 lunghezze di vantaggio su Bisceglie.

Queste le parole di coach Ceccarelli a fine partita: “Credo che la vera risposta alla brutta prova di Matera sia stata quella di stasera. In attacco, nonostante quello che dice il tabellino, abbiamo giocato una delle migliori partite della nostra stagione come qualità di gioco: extra pass, passaggi al momento giusto, tiri aperti che purtroppo nella prima parte di gara non sono entrati. Una squadra con poco carattere, sotto all’intervallo e a -9 nel terzo periodo su un parquet caldo come questo avrebbe mollato. E invece questi ragazzi hanno dimostrato ancora una volta di che pasta sono fatti, mettendo in campo una difesa praticamente perfetta, al netto di un paio di errori che nell’arco dei 40’ ci possono stare. È una vittoria bellissima, perché vincere qua contro una squadra come Pescara, pur priva di Di Donato, non è da tutti. Menziono due giocatori oggi: Gueye ha fatto vedere perché vale un’altra categoria sia in attacco che in difesa ma soprattutto a livello di leadership; Paesano, invece, ha dimostrato di essere un giocatore importantissimo per questa categoria. Ringrazio i tifosi che ci hanno seguito oggi nonostante tutto e spero che ci saranno anche venerdì ad Ozzano. Abbiamo cinque giorni per recuperare e prepararci ad affrontare una squadra, Bergamo, che ha probabilmente il miglior roster dell’intera serie B.
Noi pensiamo di potercela giocare con tutti, per cui andremo a fare la nostra partita, pur sapendo di partire da sfavoriti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-02-2017 alle 11:45 sul giornale del 28 febbraio 2017 - 336 letture

In questo articolo si parla di vallefogliaMa, settimana europea dei parchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGR3





logoEV
logoEV