Violenza sulle donne nei luoghi di lavoro: siglato un accordo tra le Parti Sociali

2' di lettura 08/02/2017 - Nel testo dell'accordo si riafferma la totale intolleranza dei comportamenti che si configurano come molestie e violenza nei luoghi di lavoro; vanno preservate la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori e tutti i comportamenti illeciti vanno denunciati in un rinnovato affinché nell’ambiente di lavoro sia preservata la dignità di ognuno.

Fermo:Anche nella Provincia di Fermo si coniuga l’accordo quadro delle parti sociali europee e l’accordo di Cgil, Cisl e Uil e Confindustria nazionali sulle molestie e sulla violenza nei luoghi di lavoro: il protocollo provinciale è stato siglato oggi, lunedì 6 febbraio, presso la sede di Confindustria di Fermo, alla presenza di Giuseppe Tosi (Confindustria), Alessandro Migliore (CNA), Paolo Tappatà (Confartigianato), Paola Beltrami (CGIL), Alfonso Cifani (CISL) e Floriano Canali (UIL).

Il testo ribadisce l’intollerabilità dei comportamenti che si configurano come molestie e violenza nei luoghi di lavoro, che la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori deve essere preservata, che i comportamenti illeciti vanno denunciati, e che tutti debbono collaborare affinché le relazioni nell’ambiente di lavoro siano basate sul rispetto e volte a preservare la dignità di ognuno.Con questo accordo le parti (i rappresentanti dei lavoratori da un lato e le associazioni datoriali dall’altro) promuovono l’adozione all’interno delle unità produttive della “Dichiarazione di non tollerabilità”, con cui si impegnano ad adottare misure adeguate nei confronti di colui o coloro che hanno posto in essere azioni o comportamenti molesti o violenti nel luogo di lavoro.

Fondamentale è la costituzione di un Osservatorio provinciale che si impegni ad implementare l’accordo nelle varie realtà produttive, usando il metodo dell’informazione e della formazione, verificando anche la possibilità di accedere a finanziamenti deputati, oltre a stabilire un percorso di assistenza psicologica e legale alle vittime.L’accordo provinciale del fermano completa quello nazionale con riferimenti per il congedo per le donne vittime di violenza di genere, recependo l’art. 24 del D.Lgs 80/2015.Si costituisce dunque un tavolo provinciale per monitorare l’applicazione dell’accordo, vigilando con un osservatorio, non necessariamente esclusivamente di genere, ma con particolare attenzione al mondo femminile che purtroppo registra un numero di abusi incredibilmente in crescita.Bisogna rompere il silenzio, c’è una cultura da cambiare e bisogna fare di più nel lavoro per cancellare le discriminazioni e le disparità di genere in continuo aumento.

Confindustria Fermo – CNA – Confartigianato – Cgil Cisl Uil Fermo








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2017 alle 14:31 sul giornale del 08 febbraio 2017 - 467 letture

In questo articolo si parla di lavoro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGd1





logoEV
logoEV