P. S. Elpidio: con "Orti Scolastici" si educa alla sostenibilità

3' di lettura 07/02/2017 - L'Amministrazione comune intende ridare vita agli orti scolastici cittadini per promuovere l’educazione alla sostenibilità e diffondere tra i giovani la conoscenza dei prodotti della biodiversità.Il primo appuntamento formativo si terrà martedì 7 febbraio, presso l’ISC Rodari-Marconi, nella scuola Rodari di via Pesaro alle ore 16.30.

L'Amministrazione comune intende ridare vita agli orti scolastici cittadini, luoghi di apprendimento, di buone pratiche, di approfondimento dell'educazione alimentare e di collaborazione intergenerazionale. Gli orti scolastici sono diffusi in numerosi plessi scolastici e là dove non vi sono spazi definiti, grazie alle insegnanti e a qualche nonno, vi sono alberi da frutto o piante aromatiche, oggetto di apprendimento e di cura. Il ministero dell’Ambiente propone annualmente concorsi per la realizzazione di orti scolastici per promuovere l’educazione alla sostenibilità, per modificare gli stili di vita e diffondere tra i giovani la conoscenza dei prodotti della biodiversità e accrescere la qualità delle produzioni sostenibili. Pertanto diventa importante favorire la formazione degli studenti per una conoscenza significativa dell’ambiente e dell’agricoltura sostenibile, veicolata dall’azione e dal coinvolgimento diretto.
“L'esperienza dell'orto assimila tutti i luoghi educativi cittadini, dal nido di via Milano alla scuola superiore Urbani, e riguarda anche l’associazionismo – dichiara l’assessore all’Ambiente Annalinda Pasquali - Non solo i soci ANCESCAO si occupano degli orti ma anche l'associazione la Crisalide da tre anni sperimenta la Permacoltura in uno spazio messo a disposizione negli orti sociali di Villa Baruchello, con ampia partecipazione e buoni risultati in termini di socializzazione, apprendimenti e di rendimento dell’orto stesso.
In vista della revisione del regolamento degli orti sociali cittadini e della loro implementazione per promuovere la pratica della cura degli spazi urbani e rispondere a nuove esigenze della cittadinanza, ripartiamo dagli orti scolastici con la formazione dei docenti, gratuita, grazie alla collaborazione di Slow Food Marche e Holy Food.”
A tal riguardo Tonino del Moro, cofondatore insieme a Sergio Belli del blog Holy Food dichiara: "fondamentale è far comprendere il concetto della stagionalità della produzione e del consumo degli ortaggi e della frutta, legato, a sua volta, al concetto più generale della ciclicità".
Ugo Pazzi, agronomo e presidente regionale Slow food dichiara: “Slow food ha più volte cambiato pelle nel corso degli ultimi vent’anni: dal mondo circoscritto delle osterie alla tutela della biodiversità e della realizzazione degli orti scolastici, costruendo un valore attorno al cibo, per cui, oggi, il cibo non deve essere più considerato una merce ma un patrimonio culturale. Il lavoro che Slow food porta avanti negli oltre cinquecento progetti territoriali di “Orti in condotta” è il segno del nuovo approccio. E’ indispensabile che i ragazzi possano acquisire una grammatica del gusto, la capacità di distinguere il prodotto buono da un prodotto industriale scadente. La formazione che svolgiamo rivolta agli insegnanti e agli studenti ha questo approccio didattico”.
Il primo appuntamento formativo si terrà domani presso l’ISC Rodari-Marconi, nella scuola Rodari di via Pesaro alle ore 16.30.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-02-2017 alle 10:10 sul giornale del 07 febbraio 2017 - 490 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant'Elpidio, Comune di Porto Sant'Elpidio, sostenibilità, Educazione e rispetto per l'ambiente, orti scolastici, biodiversità agraria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGaZ





logoEV
logoEV