Tipicità a Dubai, con il Marche Style, verso Expo 2020

2' di lettura 21/11/2016 - Partita la volata per l’esposizione universale, funziona il format che unisce operatori economici, associazioni ed istituzioni.Manifattura, fashion, agroalimentare e turismo nella terra degli Sceicchi.

Con l’adesione dell’Italia – ufficializzata nell’occasione da Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali - siamo entrati nel lungo percorso verso “Dubai 2020”, l’esposizione universale che fa seguito a quella di Milano e che è stata assegnata agli Emirati Arabi Uniti.
L’Italia, come evidenziato dal Ministro Martina, è il primo dei Paesi del G7 ad ufficializzare la partecipazione all’Esposizione Universale, il cui slogan sarà “collegare le menti, creare il futuro”!
E proprio le Marche, recentemente colpite dal disastroso sisma, rilanciano sul futuro e rispondono “presente!” alla chiamata, con una missione nata per cogliere le opportunità che Dubai oggi offre ed offrirà sempre più nei prossimi anni.
“Un’operazione – dichiara Angelo Serri, direttore di Tipicità - nata grazie all’accordo di partenariato siglato tra Tipicità ed il Summit Mondiale della Cucina Italiana, il più importante evento internazionale per la valorizzazione all’estero della nostra cucina, ma anche dell’italian style! Un lavoro di squadra – prosegue Serri – sviluppato insieme a CNA Marche Sud, in collaborazione con Coldiretti e con il contributo della Camera di Commercio di Fermo, realizzato attraverso i contatti in loco di Marco Virgili, alias Mark Zitti, un “marchigiano doc” da anni presente sulla scena di Dubai”.
La compagine marchigiana si è resa protagonista anche nella concomitante fiera Speciality Food Festival, che si è tenuta in contemporanea presso il World Trade Centre di Dubai, allestendo una “lounge”, una vera e propria “Casa Marche” rappresentativa delle filiere più caratteristiche della regione: dal fashion all’agroalimentare, passando per la manifattura ed il turismo.
Molti gli incontri che si sono susseguiti con rappresentanti istituzionali, intermediari, promoter ed importatori, con i quali sono state costruite relazioni che potranno essere molto utili agli operatori che decideranno di intraprendere questo percorso.
Una grande opportunità anche per far conoscere le prelibatezze del Made in Marche, in quanto sono oltre 200 gli chef italiani che operano nei più importanti ristoranti di Dubai, veri e propri ambasciatori dei prodotti enogastromici Made in Italy.
Un importante contributo è giunto anche dal Comune di Fermo, protagonista insieme a tutto il territorio fermano della cena inaugurale del Summit, alla presenza dello stesso Ministro Martina, del sottosegretario Scalfarotto e dell’ambasciatore italiano negli Emirati. Gli sbandieratori della Cavalcata dell’Assunta hanno letteralmente incantato i 300 selezionatissimi vip ospiti provenienti dai quattro continenti.
Per consolidare ancor più i rapporti avviati, nel prossimo mese di marzo giungerà nelle Marche una delegazione composta dai rappresentanti del Summit e da operatori economici di Dubai, per partecipare alla venticinquesima edizione di Tipicità.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2016 alle 20:45 sul giornale del 22 novembre 2016 - 1017 letture

In questo articolo si parla di economia, fermo, marche, tipicità, cibo, festival

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDKX