Melograno: oro per la salute!

2' di lettura 19/11/2016 - Nutrizione&Benessere: appuntamento con la rubrica.

Il melograno appartiene alla famiglia delle Punicaceae, è un frutto di colore rosso al cui interno sono presenti numerosi chicchi; viene coltivato nelle zone mediterranee dell’Europa e dell’Asia ma anche in Nord America. Il suo periodo di raccolta del melograno è tra Settembre – Dicembre.

Dal punto di vista nutrizionale può essere considerato come “oro per la salute”.

Esso è costituito da:

· 80% di acqua.

· 1,2% di grassi insaturi.

· 2% circa di proteine

· 4% di fibre.

· 15% di zuccheri ( molto fruttosio).

I sali minerali in esso contenuti sono: Zinco, magnesio, potassio, rame, selenio, fosforo.

Contiene vitamine del gruppo B, C, A K, E e J.

È inoltre estremamente ricco di antiossidanti come quercitina, acido gallico, flavonoidi e antocianine.

Il melograno svolge numerose funzioni come:

- Attività antiaging ( rallenta l’invecchiamento): è utilizzato sia nelle diete anti age, che nelle diete per gli sportivi (in quanto l’attività sportiva agonistica, se non coadiuvata da una dieta ricca di antiossidanti, può generare invecchiamento precoce);

- Protegge dai tumori (grazie all’acido gallico che ha una fortissima attività antitumorale) soprattutto nei confronti di quelli polmonari, della pelle, dell’apparato riproduttivo e digerente;

- Potenzia il sistema immunitario;

- Dona brillantezza fisica, ovvero svolge un’attività “ antifatica”, che si ha soprattutto nei cambi di stagione;

- Antidepressiva, in quanto il magnesio contenuto in esso, fa parte del cofattore enzimatico per la sintesi della serotonina, anche detta “ormone della felicità”;

- Aiuta a combattere la sindrome premestruale;

- Aiuta a mantenere in salute il microbioma interno;

- Aiuta a mantenere nel range ottimale i valori lipidici del sangue;

- Ha attività vermifuga, in quanto aiuta a combattere le parassitosi intestinali;

- Aiuta mantenere la regolare peristalsi intestinale.

Inoltre, numerosi studi scientifici hanno dimostrato come il succo di melograno risulti essere un ottimo alleato nella prevenzione delle malattie cronico degenerative, come ad esempio il Parkinson e l'Alzheimer.

Ma come potremmo consumarlo?

Consiglierei di consumarlo sotto forma di succo fresco, in quanto senza la fibra, la biodisponibilità dei micronutrienti è totale, perché non sarebbero limitati dalla membrana che delimita il chicco di melograno.

Alle luce di ciò.. potremmo quindi affermare che…Un melograno al giorno toglie il medico di torno!


da Dott.ssa Sonia Bolognesi
biologa-nutrizionista





Questo è un articolo pubblicato il 19-11-2016 alle 09:30 sul giornale del 21 novembre 2016 - 3621 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, !marche, nutrizionista, articolo, Dott.ssa Sonia Bolognesi, biologa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDFk





logoEV
logoEV