La Terza Commissione nei luoghi del terremoto, a breve tappa nel territorio fermano

3' di lettura 15/11/2016 - Creare un filo diretto con le popolazioni, amministratori locali, istituzioni, imprenditori, titolari di attività produttive, famiglie, gente comune, colpite dal sisma. Questo l’obiettivo prioritario che la Terza Commissione assembleare (Governo del Territorio) ha fissato nella sua agenda, programmando una serie di incontri nei luoghi simbolo del terremoto.

Dopo aver dedicato apposite ed urgenti sedute tematiche (due della stessa Commissione e altrettante dell’Assemblea legislativa), parte da Tolentino (MC) il percorso partecipativo e di vicinanza della Commissione Ambiente e Territorio agli amministratori locali e alle popolazioni, non soltanto per significare prossimità e sostegno, ma anche per testimoniare la presenza di un legame forte e diretto tra Assemblea legislativa e territori comunali, finalizzato alla conoscenza e all’approfondimento dei contenuti del recente decreto legge 205, pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale, e al confronto sulle tematiche proprie di competenza della Terza Commissione.

Dall’Hotel 77 di Tolentino, dove erano presenti tutti i componenti della Commissione, gli assessori regionali Angelo Sciapichetti e Loretta Bravi, il Capo della Protezione Civile delle Marche, Cesare Spuri, un messaggio chiaro agli amministratori, affinché siano certi che la Commissione farà tutto di quanto possibile per andare incontro alle esigenze delle singole realtà locali e delle popolazioni, verificando i margini di manovra per snellire e velocizzare le procedure per la ricostruzione, il riavvio delle attività e, quindi, il ritorno alla normalità. Significativa, in tal senso, anche la presenza del responsabile del Servizio urbanistica della Regione Achille Bucci e la partecipazione del Rettore dell’Università di Camerino, Flavio Corradini, emblema della volontà di non mollare e ripartire nei luoghi colpiti dal sisma.

“Un confronto che è risultato molto utile – ha detto il presidente della Commissione, Andrea Biancani – anche per la qualità degli interventi e per le numerose questioni poste dai sindaci (tra gli altri, quelli di Tolentino, Fiuminata, Esanatoglia, Pioraco, Matelica, Corridonia, Treia…) con particolare riferimento alle deroghe urbanistiche per snellire le procedure di ricostruzione, alle problematiche relative alle diverse tipologie edilizie (privata, scolastica, culturale, religiosa), alla realizzazione di viabilità alternativa, alla individuazione di apposite aree di stoccaggio e smaltimento dei materiali, alle procedure di sopralluogo, alla verifica della possibilità di procedere all’acquisizione degli immobili invenduti da assegnare al posto delle casette e da destinare, successivamente, al patrimonio dell’Erap”.

Per il vicepresidente della Commissione, Sandro Bisonni, “incontri come questo sono molto utili per raccogliere le richieste dei sindaci che chiedono snellezza burocratica e particolare attenzione per le scuole. Attueremo sicuramente quanto in nostro potere per accogliere tali istanze”.

Oltre al presidente Biancani e al vice Bisonni, erano presenti tutti i componenti della Commissione Ambiente, Fabrizio Giacinti, Enzo Giancarli, Peppino Giorgini, Francesco Micucci, Boris Rapa, Luigi Zura Puntaroni. A breve, la Commissione ha in programma di recarsi in visita anche nelle province di Fermo e di Ascoli Piceno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2016 alle 17:28 sul giornale del 16 novembre 2016 - 922 letture

In questo articolo si parla di ambiente, terremoto, politica, tolentino, marche, Assemblea legislativa delle Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aDuD





logoEV
logoEV