Terremoto, il punto della situazione nella città di Fermo

3' di lettura 01/11/2016 - Punto per punto tutte le azioni del Centro Operativo Comunale di Fermo. Diverse le ordinanze di sgombero.

Primo bilancio del lavoro coordinato dal Coc (Centro Operativo Comunale) ed in corso di svolgimento. Nelle 36 ore successive al sisma, i tecnici comunali e i tecnici volontari degli Ordini Professionali di Fermo (Ingegneri, Architetti, Collegio dei Geometri) hanno effettuato 138 sopralluoghi sui 231 richiesti, al fine di valutare rischi per la pubblica incolumità, oltre a tanti altri su edifici pubblici o di pubblico servizio (tra cui il Tribunale, che domani mercoledì 2 novembre potrà riaprire).

Nelle due notti successive è stato allestito il Centro di Accoglienza nella palestra di via Leti con i pasti garantiti dalla Cavalcata (per ora il Centro è chiuso e sarà riattivato in caso di necessità) e garantito sistemazioni gratuite grazie alla disponibilità dei camping fermani; assicurato anche uno svago ai bambini nei pomeriggi di domenica e lunedì.

“Ora continuano le ordinanze di sgombero così dure da firmare (oltre 20 finora) – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro - e i sopralluoghi approfonditi sulle scuole: nulla sarà lasciato al caso, se servirà tempo bisognerà prenderselo senza indugio...per ora un ringraziamento a tutti per il supporto e la compostezza”.

Squadre della Protezione Civile di Fermo saranno impegnate in serata a Monterinaldo e a Monsampietro Morico a supporto delle attività di assistenza nei due centri. Dopo il sopralluogo effettuato dai vigili del fuoco sulla torre campanaria della Chiesa di San Zenone in Largo Fogliani, gli stessi hanno comunicato una situazione di potenziale rischio per gli edifici sottostanti e prospicienti e pertanto si è resa necessaria una ordinanza sindacale con le seguenti disposizioni:

· interdizione al pubblico passaggio pedonale corso Cavour dal civ. 121 al civ. 9 di Largo Fogliani. I pedoni potranno transitare da vicolo del Capestro a via Corsica o viceversa;

· interdizione al pubblico passaggio carrabile i tratti di viabilità pubblica antistanti le proprietà interessate dallo sgombero e precisamente il tratto di Corso Cavour che va dall’incrocio con Largo Valentini all’incrocio con Largo Fogliani. I veicoli transitanti in Corso Marconi, in Largo Valentini avranno l’obbligo di svolta a destra (via Visconti d’Oleggio) o sinistra (via Montani). Per accedere a corso Cavour e via Ognissanti si potrà transitare in senso discendente in via L. Firmiano dall’incrocio con via XX Settembre/via V. Veneto. Gli stessi, in uscita da via Ognissanti potranno risalire via L. Firmiano con direzione via XX Settembre;

· sgombero per gli edifici privati sottostanti e per quelli prospicienti la torre campanaria, limitatamente (per questi ultimi) a quelle porzioni o ai locali con affaccio in C.so Cavour;

· inibizione all’ingresso da Corso Cavour agli edifici privati, in considerazione del fatto che per gli stessi immobili sono presenti comunque accessi indipendenti in diversa via non sottoposta al presente rischio.

Tuttavia proprio per cercare di limitare il disagio per questa misura obbligatoria già nella giornata di domani l’Amministrazione Comunale è riuscita a convocare d’urgenza personale del Nucleo Interventi Speciali dei Vigili del Fuoco di Roma, della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Ancona e della Regione Marche per definire un intervento di immediata messa in sicurezza.

“Sapevamo che il sisma avrebbe esposto la Città a situazioni difficili e questo ne è un esempio purtroppo tangibile – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro - abbiamo cercato immediatamente di convocare tutte le autorità deputate all’intervento superando eventuali lunghezze burocratiche: abbiamo infatti già trovato una fattiva collaborazione dai Vigili del Fuoco e dalla Soprintendenza regionale per cercare di risolvere nel più breve tempo possibile il rischio. Nell’ordinanza sono state adottate tutte quelle soluzioni possibili per limitare al massimo il disagio per residenti e attività commerciali del resto del quartiere ma l’intervento, trattandosi di un potenziale rischio per l’incolumità pubblica, è un obbligo di legge dopo la segnalazione avuta dai Vigili del Fuoco a seguito dei loro approfondimenti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-11-2016 alle 22:03 sul giornale del 02 novembre 2016 - 3078 letture

In questo articolo si parla di cronaca, terremoto, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aCZN





logoEV
logoEV