Fermo: Lido Tre Archi vuole rialzarsi

2' di lettura 06/09/2016 - Grande sforzo della giunta comunale che vuole valorizzare, come merita, il litorale. Interventi a 360 gradi che mirano a migliorare le condizini sociali ed economiche del posto.

L’Amministrazione è ben consapevole delle criticità del quartiere Lido Tre Archi – San Tommaso sia dal punto di vista infrastrutturale e dei servizi, che delle problematiche sociali interne e di relazione con il resto della comunità amministrata.

Fenomeni di micro-criminalità, di prostituzione, di tensioni interraziali, che si accompagnano ad un degrado materiale e socio-culturale, da un lato alimentano una percezione negativa del quartiere e dei suoi abitanti, per la maggior parte extra-comunitari, dall’altro frenano la possibilità di valorizzare questa comunità come opportunità di integrazione piuttosto che considerarla una mera minaccia.

È per questo motivo che l’Amministrazione comunale di Fermo ha colto l’occasione di un bando emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri finalizzato alla riqualificazione urbana e la sicurezza nelle periferie attraverso la concessione di appositi finanziamenti destinate alle città capoluogo di provincia e alle aree metropolitane del Paese .

Il progetto, presentato entro la scadenza del 30 agosto 2016, ha investito sia gli aspetti fisici del decoro urbano, della sicurezza e della vivibilità del quartiere che il potenziamento di taluni fondamentali servizi e presidi di tipo sociale, culturale, sanitario e sportivo, attraverso un’opera di riqualificazione a 360° degli spazi pubblici a servizio degli insediamenti abitativi.

L’investimento complessivo previsto ammonta a 8,6 milioni di euro e prevede i seguenti interventi puntuali:

  • miglioramento della qualità del decoro urbano, con particolare attenzione al verde pubblico, l’illuminazione, la viabilità e l’accessibilità del litorale con l’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • manutenzione, riuso e ri-funzionalizzazione delle strutture esistenti;
  • istituzione di un’equipe di operatori sociali, mediatori e responsabili sanitari per la prevenzione e la mitigazione delle criticità di degrado sociale;
  • potenziamento dei servizi rivolti alle nuove generazioni: in particolare l’accompagnamento scolastico, il segretariato sociale sui diritti e le opportunità lavorative, attività di integrazione ed iniziativa ludico-ricreative e sportive;
  • adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e sportive (realizzazione di una palestra per arti marziali e arrampicata e spazio per lo sportello di mediazione socio-sanitaria.

“Vogliamo dare una risposta efficace ai problemi di quest’area – ha dichiarato il Sindaco Paolo Calcinaro – sapendo che qualunque intervento di riqualificazione urbanistica va affiancato da un lavoro di costruzione di un sistema di relazioni tra gli attori istituzionali, gli operatori sociali e la comunità insediata, in grado di rendere efficace e sostenibile nel tempo l’attivazione di nuovi servizi e strutture nel quartiere, attraverso un approccio dal basso”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-09-2016 alle 13:48 sul giornale del 07 settembre 2016 - 1268 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo, Lido Tre Archi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aASv





logoEV
logoEV