Porto S.Elpidio: Stefano Zecchi a 'Parole & Nuvole'

2' di lettura 15/05/2016 - Dopo l'apertura della rassegna con Riccardo Iacona all'insegna del vario modo di aprire finestre sulla realtà, Parole & Nuvole porta alla ribalta il 18 maggio, alle 21,15, presso Villa Baruchello, un altro modo di vedere l'esistenza, che si materializza in un filosofo e pensatore della realtà come continua ricerca di bellezza da parte dell'uomo, Stefano Zecchi.

Stefano Zecchi, veneziano di nascita e milanese di adozione, è professore di Estetica all'Università degli Studi di Milano. Dopo anni dedicati alla fenomenologia di Husserl e ai concetti di Utopia e Speranza nella filosofia di Ernst Bloch, Zecchi ha finalmente trovato il vero amore nello studio della filosofia di Goethe e nella sua riflessione sulla bellezza come concetto alla base di ogni ricerca umana all'interno della società occidentale.

“A Parole & Nuvole – spiega l'Assessore alla Cultura del Comune di Porto S. Elpidio, Monica Leoni - Zecchi parlerà di lusso non in termini di costi e di denaro, come prassi nella mentalità attuale, ma come ricerca di una bellezza rara e unica, che, attraverso conoscenza e possesso, migliora l'esistenza umana, rompendo la sua monotonia, facendo sentire l'essere umano parte di un mondo interiore più grande e conferendo alla sua emotività un rinnovamento quasi cellulare, pieno di vitalità. Di questa ricerca del bello attraverso l'oggetto che lo contiene in maniera unica, è spesso nemico il denaro. L'ostentazione di esso, infatti, porta alla ricerca del lusso in maniera ossessiva da parte di persone che non riescono a coglierne la straordinarietà, e che vogliono detenerlo solo per darsi visibilità, senza in alcun modo voler godere della sua bellezza. Ma il lusso e tutti i suoi figli, sembra dire Zecchi, hanno disperatamente bisogno di uomini e donne educati al bello e al sublime, capaci di salvare il buon gusto e la capacità di discernere cosa sia pieno di meraviglia da ciò che altro non è che vuoto contenitore del vile denaro”.

Oriana Salvucci, direttrice artistica della rassegna, ha così definito la personalità e la ricerca di Stefano Zecchi: “Nell'era della mercificazione, una riflessione sulla bellezza e sulla meraviglia, su ciò che non può diventare merce: la capacità di stupore. Viviamo nell'epoca del godimento illimitato, del piacere compulsivo , della solitudine cosmica. Il mercato vorrebbe riempire i nostri vuoti con le merci. La soluzione prospettata è solo un palliativo. La condizione del desiderio è il senso del limite e mi riferisco al desiderio come mancanza, come ricerca, come orizzonte aperto e stellare. Stefano Zecchi ci guiderà in questo percorso, in un incontro che ,speriamo, lasci spazio al non detto, all'imprevisto, a quelle parole che, a volte, cambiano la vita."








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2016 alle 01:08 sul giornale del 16 maggio 2016 - 2784 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant'Elpidio, Comune di Porto Sant'Elpidio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/awWN





logoEV