Stagione Concertistica 2015/2016: 'Una favola musicale lunga sei mesi'

2' di lettura 14/11/2015 - Una favola. Lunga sei mesi. Da seguire, ascoltare, partecipare nell’accogliente penombra della Sala dei Ritratti. Quest’anno la Gioventù Musicale e la Pro Musica in uno con il Comune di Fermo hanno predisposto un cartellone fatto di armonie dall’ampio respiro.

Concerti con artisti che daranno vita, attraverso le note scritte e la loro maestria, a fantastici racconti. Impetuose pagine musicali che evocano luci cristalline, a volte scintillanti notti stellate, o magari polvere luminescente o ancora gioiosi voli fantastici. Per raccontare l’appassionante favola della musica.

“Abbiamo voluto proporre alla cittadinanza e agli amanti della musica classica – spiegano gli organizzatori - un programma vario, con la musica come protagonista assoluta. Con artisti di gran livello e nomi ai vertici del panorama musicale, ma anche e soprattutto dando un tocco di magia a tutte le proposte. E se qualcuno pensa che le favole si raccontino solo ai più piccoli, ci piace pensare, con Carl Jung, che le favole spesso fanno meglio agli adulti che ai bambini. Nel presentare la Stagione Concertistica 2015/2016, svelando i concerti (cartellone completo allegato), è nostro desiderio farvi scoprire e offrirvi il piacere di conoscere il filo conduttore ispiratore di questa nuova Stagione che alzerà il sipario sullo splendido sfondo del giallo dorato di un campo di grano appena maturo non ancora raccolto, e vi accompagnerà sotto un cielo di note, fatto di azzurri pensieri.”

La 60^ Stagione fermana dei concerti avrà inizio infatti domenica 29 novembre (ore 17 Sala dei Ritratti) con una speciale anteprima. Protagonisti quattro straordinari giovanissimi artisti Alessandro Cetro (flauto), Anastasia Fioravanti (pianoforte), Michelangelo Fulimeni (violino), Gianmario Strappati (tuba). Quattro “Piccoli Mozart” che lasceranno stupefatti.

L’inaugurazione (domenica 6 dicembre, ore 17) vedrà in palcoscenico un fuoriclasse del saxofono Federico Mondelci insieme al Quintetto Postacchini per un concerto di “Musica dell’anima” con pagine di Gerswhin, D.Ellington, Piazzolla, Morricone, Piovani. Il cartellone proseguirà con una serie di imperdibili appuntamenti domenicali sino al 20 aprile 2016 con pianisti, violinisti, chitarristi, cantanti, clavicembalisti, flautisti, trii, quartetti, ensemble fino ad excursus nella musica orientale con un concerto-performance della giapponese Karin Nakagawa e i suoi costumi e strumenti originali, ma anche con prime esecuzioni assolute come “Stelluccia” azione fiabesca in musica su testo di Alvaro Valentini e Leone Bernardi o proposte originali e suggestive come il concerto di Ornitofonica ovvero “Quando il canto degli uccelli si fa musica”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-11-2015 alle 12:15 sul giornale del 16 novembre 2015 - 1302 letture

In questo articolo si parla di musica, attualità, fermo, Gioventù Musicale d'Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqrU





logoEV
logoEV