Ruba 200 euro dalla cassa di uno stabilimento ed aggredisce un uomo per rubargli il cellulare, arrestato

smartphone 1' di lettura 14/11/2015 - I carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Fermo, diretta dal capitano Roland Peluso, nella notte tra venerdì e sabato, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per rapina, lesioni personali e concorso in furto aggravato un 21enne tunisino, senza fissa dimora, pregiudicato. S.C., fermato in prossimità dello stabilimento balneare Baladì Beach a Lido di Fermo, dopo aver avvicinato un passante 30enne del luogo, lo ha colpito con calci e pugni per rubargli il telefono cellulare che stava utilizzando.

La vittima ha quindi allertato i carabinieri che, giunti subito sul posto, hanno arrestato in flagranza di reato il tunisino. Grazie però ad una segnalazione precisa e minuziosa di un altro cittadino al 112, il 21enne è stato identificato, anche, quale responsabile del furto ai danni dello stabilimento balneare messo a segno poco prima.

Il pregiudicato, con la complicità di un’altra persona in corso di identificazione, si era infatti introdotto all’interno dello stabilimento ed aveva asportato 200 euro circa dal registratore di cassa prima di dileguarsi.

Al termine degli accertamenti, il 21enne arrestato è stato accompagnato presso il carcere di Fermo e la refurtiva recuperata è stata restituita ai legittimi proprietari.






Questo è un articolo pubblicato il 14-11-2015 alle 14:31 sul giornale del 16 novembre 2015 - 1351 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, rapina, furto, cellulare, Sudani Alice Scarpini, lido di fermo, smartphone, lesioni personali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqsf





logoEV
logoEV