Calcio: la Fermana fermata sul 2-2 dall'Olympia Agnonese

2' di lettura 27/09/2015 - Batte fortissimo il cuore della Fermana. Dopo la constatazione avuta nella premiere, i canarini superano anche l’elettrocardiogramma al quale li ha costretti l’Olympia Agnonese.

La vittoria non è arrivata, ma l’imbattibilità è stata conservata (dando uno sguardo alle statistiche sono soltanto tre i segni “zero” nella casellina delle sconfitte: il Fano, la Sambenedettese e, appunto, la Fermana). L’ordinata Olympia Agnonese, al tramonto della prima frazione, applica alla perfezione la regola non scritta del giuoco del calcio – gol sbagliato, gol subito – e si porta in vantaggio con l’ex Recanatese Marolda bravo a insaccare con un fendente basso e angolato un assist firmato Di Lollo.

Infatti la Fermana, dopo una mezzora di studio, si era prepotentemente resa pericolosa dalle parti di Mancini con Cremona (lob di poco fuori su superba imbeccata di Degano), Degano & Urbinati (il numero 10 scheggia la traversa e, sulla ribattuta, Pifano si oppone in rovesciata al tap-in del centrocampista), ancora Cremona (colpo di testa su piazzato di Degano) e Urbinati (conclusione a lato). Nella ripresa il team di Paolucci non si culla sul vantaggio. La traversa di Lezcano sugli sviluppi di un corner è solo l’antipasto del raddoppio molisano centrato da Chiochia, lesto nel ribadire in rete un calcio franco. 0-2, “Recchioni” ammutolito.

Fermana ko? Assolutamente no. Dopo aver inserito Valdes all’alba della ripresa, il Comandante Jaconi alza il baricentro con il brioso Tascini. I gialloblù ci sono. Il cronometro scorre nemico, ma ci credono. Minuto 40: Valdes si incunea in area e viene atterrato. Rigore. Degano è implacabile dal dischetto. Match riaperto. Tutti avanti. Capitan Comotto costringe Mancini a rifugiarsi in angolo. Il tempo, per una squadra senza carattere, sarebbe scaduto, non per la Fermana: minuto 48, Urbinati perfora Mancini di testa. 2-2. L’ex Castelfidardo non poteva sognare compleanno migliore.

FERMANA – OLYMPIA AGNONESE 2-2

FERMANA (3-5-2): Olczak, Cesselon, Passalacqua (31' st Ficola), Ferrini (26'st Tascini), Comotto, Misin (10' st Valdes), Urbinati, Omiccioli, Cremona, Degano, Iotti. A disposizione: Salvatori, Gregonelli, Sene, Terrenzio, Traini, Vitali. All. Osvaldo Jaconi.

OLYMPIA AGNONESE (4-4-2): Mancini, Pifano (44' st Litterio), Di Ronza, Lezcano, Chiochia, Cossu, Padovano, Di Lollo (24' st Conte), Jallow, Marolda, Acampora. A disposizione: Chiavaroli, Carpentino, Scarano, D'Ambrosio, Guida, Faggiano, Martignetti. All. Silvio Paolucci.

ARBITRO: Sig. Franco Iacovacci della sezione di Latina.

ASSISTENTI: Mattia Bartolomucci e Emanuele Musumeci della sezione di Ciampino.

RETI: 40' pt Marolda, 25' st Chiochia, 40' st Degano (rig), 48' st Urbinati.

NOTE: ammoniti al 42' pt Lezcano ed al 10' st Degano per proteste, al 13' st Di Lollo, al 20' st Comotto ed al 22' st Passalacqua per azione fallosa, al 35'st Conte per fallo di mano; corner 2-3; recupero 0’+5’ .






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-09-2015 alle 20:38 sul giornale del 28 settembre 2015 - 1198 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, fermana calcio, serie d

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aoAv





logoEV