x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
comunicato stampa

Calcio: la Fermana tiene testa alla Maceratese nel Memorial “Mario Rossetti”

4' di lettura
2037

da Fermana Football Club
www.fermanafc.com


La differenza di categoria non si è vista. Assolutamente. Checché ne dica il risultato, una gagliarda Fermana tiene testa alla neopromossa Maceratese che si aggiudica la seconda edizione del Memorial “Mario Rossetti”.

I gialloblù, nonostante vadano subito in svantaggio (chirurgico Kouko ottimamente innescato dalla prodezza – pallonetto di tacco – di Ganci), si dimostrano tonici e sul pezzo. Ogni calcio franco del piede fatato di Degano è un brivido per i biancorossi che debbono capitolare proprio a causa dell’ex Civitanovese: Faisca perde palla al limite e Degano lo castiga infilando Di Vincenzo con un precisissimo diagonale.

Sale il ritmo, la Maceratese non tira indietro i garretti e la Fermana risponde: per essere in pieno agosto, il match del “Bruno Recchioni” registra un’invidiabile intensità. Il team del presidente Parlatoni ci prova anche con Omiccioli e Cremona, ma, se riesce ad andare al riposo in parità, deve ringraziare il montante alla sinistra di Olczak che ipnotizza Kouko ancora una volta attivato da Ganci.
Nella ripresa il sempre più sontuoso Degano tenta a più riprese la via del gol con pericolosi piazzati (da registrare due miracoli dell’estremo Forte), così come provano ad imboccarla Cremona (grande prova per la punta arrivata dal Termoli che tiene costantemente in apprensione la retroguardia di coach Bucchi), Omiccioli, Comotto ed il rientrante Misin. A differenza dei canarini, la Maceratese non trova la porta sbarrata: Kouko su assist di D’Anna resiste a due uomini e impallina Olczak, mentre, nel finale, per Di Piazza è un gioco da ragazzi deporre in rete un traversone basso di Imparato.

Jaconi, rispetto alle altre tre uscite, arretra Degano sulla trequarti pronto ad ispirare il totem Cremona e Valdes che agisce sul centrodestra. Nel cuore del pacchetto difensivo, stante l’assenza di Terrenzio ancora a riposo precauzionale, al fianco di capitan Comotto c’è spazio per l’ultimo arrivato Passalacqua; conferma per l’estremo difensore Olczak e per l’esterno Ficola mentre Gregonelli torna titolare sul binario sinistro. Nella zona nevralgica, Ferrini vertice basso con Omiccioli a destra e Urbinati a manca. Schierando l’under Passalacqua al centro della difesa e gli altri due sugli esterni, oltre al portiere, il Comandante ha provato mediana e reparto avanzato d’esperienza.

La Fermana c’è. Il pubblico sembra apprezzare. Da lassù, Mario Rossetti, indimenticabile penna gialloblù, sarebbe orgoglioso di questa squadra.

La cronaca

7’ pt, annullata per fuorigioco la rete di testa di Cremona.
10’ pt, assist bijou di Ganci – pallonetto di tacco spalle alla porta – per Kouko il quale non può fare altro che insaccare il vantaggio ospite.
22’ pt, punizione di Degano che fa la barba al palo.
26’ pt, Degano approfitta di un’indecisione di Faisca al limite dell’area e, con un diagonale perfetto, bacia il palo lungo portando la Fermana sull’1-1.
36’ pt, velleitario Omiccioli dalla distanza.
40’ pt, Valdes Seara da destra crossa sul secondo palo dove Urbinati mette al centro per Cremona che, da sottomisura, si fa ipnotizzare da Di Vincenzo.
45’ pt, combinazione in velocità Ganci – Kouko che mette il coloured a tu per tu con Olczak: palo.

4’ st, Degano su punizione chiama il neoentrato Forte al volo in corner.
8’ st, punizione di Bonaiuto, alta di poco sopra la traversa.
13’ st, D’Anna dalla sinistra imbecca Kouko che entra in area, resiste a due uomini e depone alle spalle di Olczak.
14’ st, punizione di Degano per Comotto che, sul secondo palo, si coordina male sfiorando il palo.
17’ st, bella combinazione Urbinati – Cremona – Omiccioli con il centrocampista che paga la posizione decentrata.
18’ st, bella respinta di Forte su Degano.
24’ st, pericoloso Cremona nell’area piccola di testa, ma Alessandrini alza la bandierina vanificando il tutto.
30’ st, bravo ancora Forte a deviare in corner un venefico piazzato di Degano.
42’ st, Imparato infiamma l’out sinistro e mette al centro per Di Piazza che fissa il 3-1.
46’ st, Misin tenta la botta dalla distanza, a lato.

FERMANA (4-3-1-2): Olczak; Ficola (34’ pt Sene), Comotto (33’ st Iotti), Passalacqua (43’ st Belleggia), Gregonelli; Omiccioli, Ferrini (20’ st Misin), Urbinati; Degano; Valdes Seara, Cremona (25’ st Tascini). A disposizione: Polimanti, Donnari, Finucci, Traini. All. Osvaldo Jaconi.
MACERATESE (4-4-2): Di Vincenzo (1’ st Forte); Clemente, Lasicki, Faisca, Imparato; D’Anna, Giuffrida, Carotti, Bonaiuto (39’ st Bonaiuto); Kouko (43’ st Orlando), Ganci (27’ st Di Piazza). A disposizione: De Angelis, Karkalis, Porfiri, Albani, Cesca. All. Christian Bucchi.
ARBITRO: Sig. Morresi di Corridonia (Ciucani – Alessandrini).
RETI: 10’ pt e 13’ st Kouko, 26’ pt Degano, 42’ st Di Piazza.
NOTE: ammoniti: 31’ pt Imparato e Valdes (reciproche scorrettezze), 16’ st Giuffrida (gioco falloso). Corner 5-1. Recupero 0’+1’. Spettatori circa 300.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-08-2015 alle 23:56 sul giornale del 14 agosto 2015 - 2037 letture