Ecco 'Green Table', il blitz che ha smantellato un giro di gioco d'azzardo e di usura. Il video

GdF smantella una bisca di gioco d'azzardo e usura 3' di lettura 09/02/2015 - Nel fermano è scattato alle prime ore di lunedì mattina il blitz del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno. Le operazioni sono partite in seguito all’esito di una lunga attività investigativa condotta sotto l’egida della Procura della Repubblica di Fermo.

Trenta finanzieri, numerose perquisizioni domiciliari, 10.000 di titoli di credito sequestrati, tre ordinanze di custodia cautelare, 34 denunce a piede libero, un circolo privato sequestrato. Questi sono i numeri di 'Green Table', l'operazione scattata nello scorso mese di ottobre, quando uno dei tre individui arrestati, in seguito ad un lungo periodo di osservazioni è stato sorpreso in una perquisizione domiciliare con assegni ed effetti bancari per un valore di più di 30.000 euro e in possesso anche di sostanze stupefacenti.

Le indagini che hanno portato allo smantellamento di una vera e propria bisca nel territorio elpidiense, capeggiata da R.E., si sono in parte concluse lunedì mattina, con l'arresto di tre individui (anche se lendagini proseguono per scovare ulteriori flussi legati all'azzardo). Si tratta di un gruppo di persone che operavano all'interno di un circolo privato e che chiedevano interessi usurai persino del 3/400%. Negli scorsi giorni le Fiamme Gialle hanno effettuato una perquisizione, scattata proprio nel pieno dell'attività clandestina del circolo privato, che è stato sottoposto a sequestro preventivo per disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Le indagini della Guardia di Finanza erano partite in seguito alle denunce pervenute da persone che non erano più in grado di far fronte ai debiti di gioco contratti e alla pesante usura applicata sulle perdite. Quando le forze dell'ordine hanno fatto irruzione nella bisca si è subito scatenato un fuggi fuggi ed il panico generale tra gli avventori, molti dei quali hanno tentato invano di disfarsi di assegni, appunti, fogli e banconote o di nasconderle (perfino nelle mutande). Uno dei presenti ha tentato addirittura di fuggire saltando da un balcone posto al primo piano della palazzina, finendo però tra le braccia dei militari che avevano nel frattempo circondato l’edificio.

In ogni caso le telecamere delle Fiamme Gialle avevano già ripreso tutto, soldi e fogli di ogni genere, rilevando nello specifico che si stavano svolgendo delle partite di 'Concia' e 'Trenta quaranta'. 11.000 € il valore delle banconote e degli assegni sequestrati; più di 60 le persone identificate, 34 delle quali, a diverso titolo, denunciate per i reati di esercizio dei giochi d’azzardo e partecipazione a giochi d’azzardo. Tra le persone denunciate vi erano anche due delle persone successivamente arrestate.

Tra le persone denunciate, cinque erano di età superiore ai 70 anni, otto tra i 60 ed i 70 anni, dodici tra i 50 e i 60 anni, sei tra i 40 e 50. Solo in tre avevano un'età di 30 anni o meno, infatti il gioco d’azzardo, come posto in luce dall’attività investigativa, è un fenomeno che coinvolge sempre di più le persone anziane, disposte a giocarsi anche i frutti di un’intera vita lavorativa.

Lunedì mattina, durante le perquisizioni domiciliari sono state rinvenute delle documentazioni che ora verranno analizzate dai finanzieri con l'obiettivo di ricostruire i flussi finanziari legati al gioco d’azzardo e conseguente attività usuraia, per accertare ulteriori responsabilità a carico delle persone denunciate. Finiti ai domiciliari: T.M. di anni 31 di Porto Sant’Elpidio e P.P. di anni 31 di Magliano di Tenna, entrambi di nazionalità rumena, responsabili del reato di usura; e R.E., 45enne di Porto San Giorgio, a capo della bisca smantellata.


da Arianna Baccani
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 09-02-2015 alle 17:25 sul giornale del 10 febbraio 2015 - 2025 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fiamme gialle, usura, gioco d'azzardo, articolo, Arianna Baccani, guardia di finanza, azzardo, usura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/afan





logoEV
logoEV