Oltre 250 persone per la tappa fermana del tour di Pietro Marcolini

Pietro Marcolini a Fermo 4' di lettura 03/02/2015 - La partecipazione si conferma ampia e affettuosa per Pietro Marcolini. Anche ieri sera a Fermo, la splendida Sala dei Ritratti di Palazzo dei Priori, non è stata sufficiente a contenere tutte le persone intervenute ad ascoltare il candidato alle Primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione Marche. Serata in cui sono stati trattati i punti principali del programma di Marcolini per le Marche e i marchigiani.

Su tutti, l’economia. Un tema molto sentito qui, nel cuore del distretto calzaturiero. Marcolini ha ribadito l’importanza della specializzazione e delle produzioni di alta tecnologia. Proprio nel pomeriggio il candidato, anche in vista del Micam 2015, ha tenuto una serie di incontri privati con imprenditori del posto. “Il settore del cuoio, delle pelli e delle calzature del segmento medio alto è di successo – ha detto - le semestrali dei nostri industriali parlano di successo nonostante la crisi globale. Il mondo è cambiato, noi dobbiamo fare altrettanto. Esempi virtuosi non mancano. Oggi ho conosciuto un’azienda multilingue con 20 persone alla regia e 700 dipendenti per la contrattualistica e la commercializzazione all’estero dei nostri prodotti, Dobbiamo aprirci ai nuovi mercati. Come si può tutelare il Made in Marche? Per il commercio internazionale ci sono delle rotte internazionali favorevoli. La Russia ha rappresentato per noi una prima boccata di ossigeno ma la crisi internazionale ha ridotto le prospettive di vendita. Penso che le relazioni internazionali debbano tenere conto anche di questi aspetti. Oggi che il mercato russo si sta restringendo, occorre capacità di risposta e il deprezzamento dell’euro può rappresentare un vantaggio per l’export in area sterlina e dollaro. Dobbiamo aiutare le Marche attraverso il riorientamento delle nostre produzioni sui mercati esteri”.

Ma quali altri settori possono rappresentare nuovi segmenti di mercato? Marcolini, più volte interrotto dagli applausi, ha in mente per il futuro delle Marche “un programma a forte contenuto di sostenibilità ambientale. Penso alla riforestazione delle aree interne, a interventi per scongiurare il dissesto idrogeologico e l’erosione della costa. Rappresenteranno nuovi sentieri di sviluppo e nuovi posti di lavoro”.

Nel prosieguo dell’appuntamento Marcolini è tornato a parlare di sanità. Dai conti in ordine della Regione, frutto del lavoro portato avanti negli ultimi anni, alle impostazioni per il futuro. “La meta è quella di 5 ospedali provinciali e uno regionale - ha spiegato – e a Fermo ci sono tutte le condizioni per realizzarlo. C’è il finanziamento nazionale e quello regionale. Va applicato un piano di valorizzazione degli immobili che si lasciano, ma questo spetta al Comune. Fermo è una priorità come il Salesi, l’Inrca, Marche Sud, Marche Centro e Marche Nord. Questi piani devono poter prevedere una triangolazione con i sindaci per non lasciare voragini di degrado o edifici abbandonati al centro delle città. Con le poche risorse che abbiamo a disposizione sono impensabili i modelli del passato dove ogni Comune rivendica un ospedale. I malati cronici e i non autosufficienti non vanno ospedalizzati, ma accolti in strutture adeguate, incentivando l’assistenza domiciliare. Pensate che un malato cronico in ospedale incide quasi sei volte in più sulla spesa sanitaria rispetto a uno accolto in Rsa. Il conto si abbassa ulteriormente con l’assistenza domiciliare”.

Dalle Marche si guarda anche all’Europa e non mancano i richiami, da parte delle imprese, a bandi di concorso più accessibili e meno imbrigliati dalla burocrazia. “A Bruxelles - spiega Marcolini - gli italiani sono poco presenti nei gruppi che redigono i bandi e questi per lo più si rivolgono a grandi aziende franco tedesche. Dovremo finanziare, nel prossimo futuro, programmi di formazione per giovani progettisti europei. Figure professionali che possono operare a livello intercomunale e frutto di collaborazione tra pubblico, privato, formati dalle nostre 4 università”.

Programmare il futuro, dunque. “Perché - conclude Marcolini - le Regioni nei prossimi 5 anni non saranno quelle che conosciamo. Non Comuni allargati o piccoli stati sovrani che si occupano di tutto, ma enti che dovranno concentrarsi su legislazione e programmazione in quattro settori fondamentali: sanità, sociale, trasporti e sviluppo locale. La concretezza degli amministratori comunali è un fondamento del nostro Stato, ma quello del presidente di regione è un altro lavoro”.

Infine, un richiamo al popolo delle Primarie. “Partecipiamo in questo momento e il primo marzo andiamo a votare. Vedo questi momenti come ricchi di proposte, di critiche, di entusiasmo. Ecco allora che le Primarie diventano un viatico per la successiva campagna elettorale, quella più importante, per l’elezione del presidente e del consiglio regionale. Si parla molto di continuità e discontinuità in questi giorni. Il Pd è un partito riformista e di governo. Non siamo stati all’opposizione e il segno di discontinuità sarà la maggiore attenzione sulle cose da fare e sugli adeguamenti necessari, anche organizzativi, per far fronte ad un mondo che è profondamente cambiato; compito difficile per il quale non basta un nuovismo nominale e privo di contenuti”.

Il tour di Marcolini prosegue nei prossimi giorni a Jesi (mercoledì 4), Ascoli (giovedì 5) e Fano (venerdì 6).


da Pietro Marcolini
Assessore ai Beni e Attività Culturali
della Regione Marche







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-02-2015 alle 23:17 sul giornale del 04 febbraio 2015 - 1171 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, fermo, pietro marcolini, Pietro Marcolini Fermo, Pietro Marcolini a Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aeTr





logoEV
logoEV