Scuola: il saluto agli studenti della Provincia

Scuola generico 3' di lettura 13/09/2014 - Vogliamo trasmettere il nostro augurio sincero di un buon anno scolastico, agli insegnanti, ai dirigenti, al personale ATA e, naturalmente, a tutti gli studenti delle scuole della provincia di Fermo.

L’anno che inizia è, per il Paese, ancora una volta, impegnativo e complesso; ma compito degli adulti, a partire dalle Istituzioni, è quello di lavorare per trasmettere strumenti di comprensione del mondo e della realtà, ai più giovani; ma anche speranza e fiducia nella possibilità di costruire, insieme, per ciascuno e per tutti, un futuro migliore e più giusto. La scuola ha, in questo senso, un ruolo decisivo; ancor più in un momento di crisi, che è anche morale e culturale, come quello attuale.

Essa continua ad essere, nonostante i molteplici problemi, che da troppo tempo si trascinano, nonostante le scarse risorse che i diversi governi vi hanno investito, uno dei fondamentali punti di riferimento, per la stessa tenuta civile e sociale del nostro Paese. Grande è il patrimonio intellettuale e culturale che gli insegnanti esprimono, che dovrebbe essere riconosciuto ed al quale andrebbe dato ben altro valore e sostegno. Esprimiamo l’auspicio che nessuna ipotesi di riforma venga imposta dall’alto, senza il coinvolgimento partecipativo di tutto il mondo della scuola e di tutti i territori.

Questo patrimonio è, nella nostra provincia, una delle principali risorse su cui la società del fermano può far conto; perché grande è, in noi come nei nostri docenti, la consapevolezza che tutto ciò per cui abbiamo lavorato e per cui lavoriamo, potrà avere un futuro solo grazie alla qualità umana, civile, professionale dei giovani che vengono formati e che crescono nelle nostre scuole.
E’ per questa coscienza profonda, per la convinzione che cultura e sapere sono il perno centrale di ogni società libera e di ogni possibile sviluppo, che, in questi cinque anni, pur nelle crescenti difficoltà istituzionali e finanziarie – prodotte dai sistematici tagli dei governi agli enti locali - la Provincia di Fermo ha costantemente investito e lavorato sulla scuola, sulle sue strutture e sull’arricchimento della sua offerta formativa, su beni e reti culturali che potessero offrire ai giovani qualità, sicurezza, stimoli e sostegno.

Tra pochi giorni le Province italiane – e, naturalmente, anche la nostra – cambieranno veste istituzionale; ma vogliamo ribadire che la Provincia di Fermo continuerà ad esserci ed a seguire, da vicino e con attenzione, le nostre scuole e il loro lavoro.

Ai nostri ragazzi vogliamo ricordare che, per il loro futuro, individuale e collettivo, per la qualità della loro vita futura, è fondamentale impegnarsi, studiare, conoscere la realtà; quella che certamente è una fatica, lascerà loro una ricchezza inestimabile che, un giorno – non così lontano – riverseranno sul mondo in cui vivranno. Loro studiando, noi adulti lavorando con passione e serietà, dovremo insieme continuare a batterci per garantire alle giovani generazioni un futuro migliore.

On. Avv. Fabrizio Cesetti (Presidente della Provincia di Fermo)
Prof. Giuseppe Buondonno (Assessore alla Pubblica Istruzione)
Prof. Guglielmo Massucci (Assessore all’ Edilizia scolastica)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2014 alle 17:10 sul giornale del 15 settembre 2014 - 927 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9Hc





logoEV
logoEV