Sequestrava e indossava merce degli ambulanti: arrestato maresciallo della Finanza

Guardia di finanza 1' di lettura 07/09/2014 - Avrebbe sequestrato più volte capi d'abbigliamento contraffatti agli ambulanti africani, per poi appropriarsene e utilizzarli a scopi personali.

Per questo L.T., un maresciallo della Guardia di Finanza di Fermo di 40 anni, è finito agli arresti domiciliari con l'accusa di peculato e concussione. Il finanziere è stato anche sospeso dal servizio. Il provvedimento è scattato al termine di una complessa indagine avviata lo scorso giugno dalla stessa Guardia di Finanza e coordinata dal procuratore della Repubblica di Fermo, Domenico Seccia, e dai suoi due sostituti, Alessandro Piscitelli e Nadia Caruso.

Tutto è partito dalla denuncia di alcuni venditori ambulanti senegalesi. Secondo le loro testimonianze e gli elementi raccolti dagli inquirenti, il militare pedinava i vu cumprà, si appostava attendendo che trasportassero la merce per poi far scattare il blitz e il sequestro della merce. La presunta attività illecita del maresciallo sarebbe andata avanti con una certa regolarità a partire dal 2009. I senegalesi hanno deciso di denunciarlo quando hanno capito che teneva per sè e indossava i capi d'abbigliamento sequestrati.






Questo è un articolo pubblicato il 07-09-2014 alle 16:28 sul giornale del 08 settembre 2014 - 1396 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, ambulanti, concussione, sequestro di merce contraffatta, peculato, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9pF





logoEV