Centrale a biomasse, Cesetti: 'Il Consiglio di stato sospende l'esecutività della sentenza del Tar Marche'

fabrizio cesetti 1' di lettura 30/07/2014 - Il Consiglio di Stato, con ordinanza depositata in data 30 luglio 2014, ha sospeso l’esecutività della sentenza del Tar Marche che, sul ricorso della Powercrop srl e Eridania- Sadam SPA, annullava le determinazioni dirigenziali di VIA (Valutazione Impatto Ambientale) negativa della Provincia di Fermo ed imponeva alla stessa un nuovo riesame. Ha fissato per il merito l’udienza pubblica dell’11 dicembre 2014.

La decisione è di straordinaria importanza in quanto il Consiglio di Stato statuisce “che alcune delle valutazioni formulate nella sentenza di primo grado paiono sconfinare nella sfera di merito insindacabile in sede giudiziaria”. Questo significa che, come abbiamo sempre sostenuto, il Giudice Amministrativo non doveva, perché non poteva e non può, sostituirsi alla Provincia di Fermo nelle decisioni che alla stessa competono sulla base delle prerogative attribuitele dalla legge. Infatti, la Valutazione di Impatto Ambientale costituisce un giudizio discrezionale proprio dell’Istituzione Provincia.

Ovviamente, si confida per una conclusione positiva anche del giudizio di merito e con l’occasione voglio ringraziare pubblicamente il dirigente ed i funzionari del Settore Ambiente della Provincia di Fermo per la competenza e la professionalità con la quale operano quotidianamente, nonché l’Avv. Massimo Ortenzi per la pregevole attività difensiva a favore della Provincia di Fermo.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-07-2014 alle 22:20 sul giornale del 31 luglio 2014 - 935 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/7Yy





logoEV