'Andando per case di terra', domenica l'inaugurazione della mostra

4' di lettura 11/04/2014 - Luoghi, persone e storie del Fermano. È il passato che rivive in un’esposizione che sarà ospitata dal 13 aprile all’11 maggio negli spazi di Villa Vitali a Fermo. “Andando per case di terra”, questo il titolo della mostra che sarà inaugurata domenica, è curata da Carlo Verducci e Giocondo Rongoni, per la parte relativa ai testi e da Francesca Folicaldi.

Le fotografie di Romano Folicaldi saranno testimonianza concreta delle oltre cinquanta case di terra che ancora resistono nel Fermano. Un progetto importante realizzato in sinergia tra istituzioni, associazioni e mondo della scuola. A ricostruire la nascita della mostra è stato il professor Carlo Verducci nel corso della conferenza stampa di presentazione: “Il lavoro della professoressa Puggioni dell’Istituto tecnico per geometri con i suoi alunni sulla catalogazione delle case di terra – spiega Verducci - ha ottenuto da subito il sostegno del Fai, Fondo per l’Ambiente italiano. In seguito l’iniziativa è stata fatta propria dalla Fondazione Carifermo che ha fortemente creduto nel progetto. Infine è arrivato anche il sostegno della Regione Marche. L’obiettivo iniziale del nostro lavoro era quello di fare una catalogazione delle case di terra partendo da quanto rilevato a livello regionale dalla Sovrintendenza nel 2003-2004. Molti atterrati non risultavano catalogati in quanto difficili da scovare nella fitta vegetazione”.

Il fenomeno delle case di terra è proprio dell’area medio – collinare del Fermano. Secondo il catasto napoleonico del 1812, il 40 per cento delle case di terra era a Montegranaro, quasi il 40% a Sant’Elpidio a Mare e oltre il 20% a Fermo. Sono 54 le case di terra censite che ricostruiscono una civiltà antica ma sempre attuale. Cinque delle case sono tutt’ora abitate e ad Alteta di Monte Giorgio una è stata acquistata da una famiglia inglese.

La professoressa Puggioni, accompagnata dallo studente Andrea Cameli dei Geometri, ha illustrato i dettagli del progetto: “E’ un lavoro iniziato nel 2007 grazie allo stimolo ricevuto dalla Provincia di Ascoli Piceno. Nel 2010 con la Provincia di Fermo siamo arrivati a ragionare su queste costruzioni con l’obiettivo ultimo di formare tecnici consapevoli di quello che ci circonda e difensori della nostra terra”. Patrizia Cirilli Marini, capo delegazione di Fermo del Fai che patrocina l’iniziativa ha sottolineato: “Abbiamo accolto con piacere il progetto che rientra in pieno nelle direttive del Fai. Le case di terra rappresentano un passato di povertà e costituiscono un presidio antropico importante per tutto il territorio”. Rosalba Ortenzi, vice Presidente Consiglio Regione Marche, ha raccontato: “Entrando nelle case di terra sono sempre rimasta incantata dalla tipologia costruttiva: è un tuffo nella storia dei nostri avi, nel lavoro dei braccianti agricoli. La Regione ha voluto dare il suo sostegno in quanto, pur essendo un fenomeno circoscritto al Fermano, ha valenza regionale”.

Matteo Silenzi, assessore all’Ambiente del Comune ha fatto notare come la tipologia costruttiva delle case di terra si sposi perfettamente con la bio architettura e costituisca esempio per un domani più sostenibile. Il progetto complessivo oltre che sul supporto delle istituzioni, ha contato nel lavoro concreto dell’architetto Sauro Censi, funzionario del servizio urbanistica della Provincia di Fermo e del geologo Ivan Ciarma che hanno operato in sinergia con Andrea Carosi, presidente di ISLA, International Smart Lab. L’ingegner Amedeo Grilli, presidente della Carifermo, ha seguito da vicino il progetto negli anni in cui era alla guida della Fondazione. “La casa di terra è un bene culturale da tutelare – ha detto - Non è qualcosa di residuale. Non merita l’oblio, l’incuria e l’attacco da eventi atmosferici. Non deve essere dimenticata. Bene hanno fatto le istituzioni, la scuola e le associazioni nel credere fortemente in questo progetto: soltanto facendo squadra si raggiunge l’obiettivo della valorizzazione”.

L’avvocato Alberto Palma, attuale presidente della Fondazione Carifermo, ha aggiunto: “E’ un gruppo di lavoro ben assortito per questo che è un progetto significativo ed originale. Come Fondazione siamo profondamente soddisfatti per esserci”. Domenica 13 aprile la mostra-evento prende il via alle ore 17 con l’intervento del professor Ercole Sori, direttore centro studi storici Sammarinesi. Alle 18 e 30 avrà luogo l’inaugurazione. Sabato 26 aprile alle 17 nuovo appuntamento con la presentazione “Costruire in terra cruda” a cura di Michela Achilli.

La mostra resterà aperta dal 14 aprile all’11 maggio 2014, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12,30 e nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 e 30 alle 18 e 30. Il sabato apertura dalle 15 e 30 alle 18 e la domenica e i festivi dalle 15 e 30 alle 19 e 30.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-04-2014 alle 23:02 sul giornale del 12 aprile 2014 - 1663 letture

In questo articolo si parla di cultura, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2s0





logoEV
logoEV