Cesetti: 'Impedire il drastico taglio dei finanziamenti agli Iat'

2' di lettura 28/03/2014 - Nella seduta di mercoledì 26 marzo, il CAL Marche ha espresso parere negativo sullo schema di deliberazione di Giunta regionale n. 226 del 10 marzo 2014, concernente “Art. 75 comma 10 L.R. n. 9/2006 - Trasferimento alle province dei centri IAT - Recepimento accordo per le spese di funzionamento e le sedi - Criteri per la individuazione e quantificazione delle spese ammissibili per l'anno 2014”.

Un atto che prevede un ulteriore e pesante taglio ai trasferimenti destinati alle Province per la gestione dei Centri di Informazione ed Accoglienza Turistica (IAT), per cui il fondo, che nell’anno 2010 era determinato in 420.000 euro, viene ridotto a soli 108.108 euro.

A seguito di questa decisione, il Presidente Fabrizio Cesetti ha inviato una lettera alle Consigliere regionali elette nel Fermano - Maura Malaspina, Rosalba Ortenzi, Letizia Bellabarba, Graziella Ciriaci e Franca Romagnoli - allegando un documento che illustra, in maniera compiuta, l’evoluzione dei finanziamenti che la Regione ha previsto di destinare per questo importantissimo settore della promozione turistica nel quadriennio.

“Se l’atto venisse approvato nella sua formulazione - ha rimarcato Cesetti - la Provincia di Fermo, già ampiamente penalizzata in sede di suddivisione delle risorse, si ritroverebbe a poter disporre nel 2014 di una somma di poco superiore ai 9.000 euro, assolutamente non sufficiente per una gestione del servizio di promozione turistica. E’ nota a questa Provincia la particolare situazione di difficoltà in cui versa il bilancio regionale, ma la scelta compiuta, oltre a non tener conto di precedenti accordi, è penalizzante per il sistema turistico del Fermano, soprattutto perché non riconosce la presenza sul territorio degli sportelli IAT operanti per tutto l’anno con personale trasferito dalla Regione”.

I tagli previsti, secondo il Presidente, minano il lavoro che i Centri IAT pongono in essere quotidianamente per lo sviluppo del settore turistico nella regione, riconosciuto più volte come il secondo motore dell’economia regionale.

“I Centri IAT di Fermo e Porto San Giorgio, oggetto di profonda revisione strutturale a seguito di significativi investimenti effettuati da parte della Provincia di Fermo nello scorso anno, oggi rappresentano il biglietto da visita per il turista che si reca presso il nostro territorio. Se la Giunta regionale, anche a seguito della decisione del CAL, non rivedesse la sua posizione, la Provincia di Fermo avrebbe grandi difficoltà nel proseguire nella gestione degli IAT. Conseguentemente, anche in relazione all’imminente stagione estiva, si potrebbero creare dei disservizi che minerebbero il lavoro finora svolto in ambito sia di promozione sia di informazione ed accoglienza turistica”.

Nel concludere la sua lettera, il Presidente Cesetti ha richiesto alle Consigliere regionali un intervento urgente, finalizzato ad impedire il drastico taglio dei trasferimenti previsti e concordati.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-03-2014 alle 22:28 sul giornale del 29 marzo 2014 - 719 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/1Ft





logoEV
logoEV