UIL Pensionati: pensione INPS negata e contributi INPDAP spariti

2' di lettura 07/03/2014 - La UIL Pensionati di Ascoli Piceno e Fermo denuncia l’assurda situazione che stanno vivendo alcuni pensionati che hanno visto sparire i contributi INPS relativi agli anni ’70 e ’80 di centinaia di lavoratori, relativi a prestazioni di insegnamento presso istituti scolastici.

Di tali contributi previdenziali non c’è più traccia nei terminali INPS che ha pertanto negato l’assegno previdenziale a diversi docenti.

Un grave problema poichè i contribuenti si sono accorti della sparizione dei contributi versati solo perché, essendo prossimi alla pensione, si sono recati agli sportelli INPS per fare i dovuti conteggi, per poi trovarsi di fronte all’amaro risultato: nessun contributo risultante per il periodo 1970-1987. Una situazione complessa e variegata poiché ci sono lavoratori che hanno riscattato, in proprio, anni di contributi che non risultano all’INPS, a chi ha presentato la domanda di pensionamento tre o quatto anni fa e ancora non ha ricevuto alcun assegno a causa di questi buchi, nonostante che i versamenti all’INPS siano attestati dal modello “01 M”.

Da un'indagine del sindacato esiste una questione nazionale che potrebbe riguardare tanti docenti. La UIL Pensionati invita pertanto gli insegnanti e altri lavoratori che hanno versato contributi tra il 1970 ed il 1987 a controllare la propria situazione previdenziale.

Per ora si tratta, nella maggioranza dei casi «di docenti che oggi sono di ruolo, ma che hanno cominciato la loro carriera scolastica facendo supplenze nelle scuole, anche con incarichi annuali».

Per gli insegnanti il problema potrebbe riguardare i contributi versati fino al 1987 per delle supplenze brevi, ovvero versamenti che rientrano nella gestione previdenziale privata dell’INPS (AGO – Assicurazione Generale Obbligatoria) e per i quali scatta la prescrizione dopo un periodo di dieci anni. Questi contributi fino al 1987 venivano versati direttamente all’INPS, poi sono diventati di competenza dell’INPDAP.

Per affrontare questo problema è stato chiesto un urgente incontro nazionale con l’INPS per verificare l’entità del fenomeno, le province interessate, il numero dei lavoratori e trovare una soluzione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2014 alle 10:42 sul giornale del 08 marzo 2014 - 1298 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, pensione, fermo, ascoli piceno, inps, uil pensionati, inpdap

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Zye





logoEV
logoEV
logoEV