Camera di Commercio: divisione del patrimonio, passaggio positivo tra le delegazioni di Ascoli e Fermo

camera di commercio fermo 1' di lettura 27/01/2014 - La divisione del patrimonio, tra le Camere di Commercio di Fermo e Ascoli, ha conosciuto un passaggio positivo, dopo qualche incomprensione dei mesi scorsi.

“Abbiamo ripercorso responsabilmente le tappe del lungo iter, iniziato nel 2008 - ha spiegato il presidente Graziano Di Battista - che hanno portato a definire la divisione delle risorse economiche finanziarie, che devono essere attualizzate ad oggi, sulla scorta della consistenza delle imprese iscritte alle due Camere di Commercio: 52.48% su Ascoli, 47.52% su Fermo. Ci siamo dati due mesi di tempo per la ricognizione definitiva, tempo necessario per attualizzare crediti e debiti e procedere consensualmente alla divisione.

Entro il prossimo 31 marzo ci ritroveremo di nuovo, e per quella data dovremmo avere sul tavolo anche una bozza dello studio per la divisione del patrimonio immobiliare che riguarda essenzialmente in centro congressi e la sede camerale di Ascoli. Operazione questa che presenta qualche complessità aggiuntiva per risolvere la quale lavoreranno gli uffici camerali, affiancati da professionisti”.

Il presidente Di Battista ha rappresentato con soddisfazione il lavoro delle delegazioni trattanti, soprattutto perchè hanno ragionato nell'interesse dei due Enti, superando ogni qualsivoglia incomprensione. “Nel corso della prossima riunione - ha aggiunto Di Battista - oltre alle procedure dell'accordo sulla parte gestionale, valuteremo anche le proposte e credo che riusciremo, ragionando così come abbiamo fatto oggi; cioè facendo prevalere la logica istituzionale, a ricercare una momento di sintesi anche per la divisione del patrimonio immobiliare”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2014 alle 18:16 sul giornale del 28 gennaio 2014 - 825 letture

In questo articolo si parla di attualità, camera di commercio di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XCU





logoEV
logoEV