Area Vasta 4: mancate proroghe del personale. A rischio riapertura dei servizi e ripristino dei reparti chirurgici

Cisl Fp 4' di lettura 01/08/2013 - Il 31 luglio 2013 sono scaduti presso l’Area Vasta 4 n.21 contratti a tempo determinato tra i quali: 15 infermieri, 4 operatori sociosanitari, 1 autista, 1 tecnico di radiologia. La Direzione di Area Vasta 4 ha deciso il rinnovo di soli 7 contratti, mettendo a rischio l’organizzazione dei servizi ma soprattutto la riapertura di quest’ultimi dopo le ferie estive ed il ripristino da ottobre dei reparti chirurgici attualmente accorpati.

Come si ricorderà il Governo Monti aveva inserito nella legge di stabilità 2012 la possibilità di proroga i contratti precari della Pubblica Amministrazione dal 1 gennaio al 31 luglio 2013. Il Governo Letta, lo scorso 17 maggio, grazie alla pressione costante dei sindacati confederali, ha ulteriormente posticipato al 31 dicembre 2013 la proroga dei contratti precari, così da evitare che circa 125.000 persone, per lo più giovani, perdessero il lavoro.

Tutta la pressione e l’opera di convinzione sul Governo, però, messi in atto dai Sindacati a livello nazionale, sono stati inutili o quasi per i lavoratori precari dell’Area Vasta 4 che si sono visti negare la proroga dal Direttore dott. Genga. Questi operatori, con molta probabilità non avranno possibilità di rientrare nel circuito della sanità regionale, visti i tagli indiscriminati ed ingiustificati che l’ASUR ha deciso di attuare, invece di colpire sprechi e ridondanze organizzative di cui per prima ha favorito lo sviluppo. Sono quindi destinati a rimanere a lungo fuori dal circuito occupazionale almeno della Regione Marche.

La cosa grave è che alcuni operatori messi alla porta il 31 luglio, sono anni che lavorano, sempre con forme precarie d’impiego, presso l’Area Vasta. Su di loro è stato investito tempo per la formazione e hanno acquisito competenza e professionalità che sarebbero stati molto utili in reparti d’emergenza o specialistici, che richiedono lunghi periodi di tutoraggio ma anche sul territorio.

La decisione del Direttore di privarsi dei precari, è altresì incomprensibile alla luce delle migliaia di giorni di ferie non godute e di ore lavorate in eccedenza da parte del personale del comparto, soprattutto infermieristico ed OSS, dell’A.V.4. A detta della Direzione, sono stati prorogati solo 7 contratti ( 6 Infermieri + 1 Tecnico di radiologia ad Amandola) per fronteggiare situazioni di emergenza e assenze per maternità. Chiediamo allora al dott. Genga se migliaia di giornate di ferie non godute ed ore eccedenti ( solo per gli infermieri ed OSS sono 5.700 le giornate di ferie non godute del 2012 e circa 50.000 ore eccedenti ) non rappresentano per Lui un’emergenza, visto che i lavoratori vengono privati di un diritto sancito da leggi e contratti come anche la possibilità di potersi organizzare una propria vita famigliare. Evidentemente per Genga e per colui dal quale Genga prende ordini ( leggasi dott. Ciccarelli dell’ASUR) questi diritti sono benefit e privilegi.

Attenzione però, perchè il mancato rinnovo di questi operatori, una volta trascorso il periodo estivo, che, come denunciato dalla RSU vede accorpamenti di reparti e chiusure di servizi che stanno provocando enormi disservizi, dequalificazione dell’assistenza e carichi di lavoro al limite della sopportazione, porrà il problema del reperimento del personale Infermieristico ed OSS, necessario per le riaperture. Al momento i numeri non ci sono. La speranza è che l’ASUR autorizzi nel piano assunzione dell’ultimo quadrimestre, tutte le assunzioni necessarie alla copertura dei turni e alla sostituzione dei precari mandati a casa. Ma, come detto, è una speranza e non una certezza.

Ai Sindaci del Fermano consigliamo di fare fronte comune, oltre che per la costruzione dell’ospedale nuovo, sulla quale la CISL FP continua a nutrire tutti i dubbi del mondo, anche per l’impegno e la sicurezza delle assunzioni necessarie alla riapertura, dal mese di ottobre, di servizi importantissimi, come ad esempio, la RSR di Porto San Giorgio piuttosto che il ripristino dei singoli reparti chirurgici. Queste riaperture, infatti, al momento, anche grazie alla mancanza di coraggio della Direzione di Area Vasta nelle proroghe, che si DOVEVANO FARE SENZA SE E SENZA MA, sono del tutto incerte.

Il tarlo ed il sospetto, nemmeno tanto infondati, che come CISL FP nutriamo è che le operazioni spacciate come necessarie per il periodo estivo, abbiano rappresentato il cavallo di Troia per arrivare ad una riorganizzazione forzata del dipartimento chirurgico e lo smantellamento di servizi socio assistenziali e riabilitativi sul territorio. Le proroghe mancate altrimenti non si giustificherebbero anche alla luce del numero di personale infermieristico assente per aspettative, maternità e malattie lunghe che è pari a circa 35 unità.


da Giuseppe Donati
Cisl FP





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-08-2013 alle 18:56 sul giornale del 02 agosto 2013 - 790 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, cisl, fermo, Cisl FP, area vasta 4, Giuseppe Donati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Qc2





logoEV