Porto S.Elpidio: il Comune, 'Le acque di balneazione della foce del Fosso di Castellanto sono eccellenti'

Comune di Porto Sant' Elpidio 3' di lettura 05/07/2013 - Con L’arrivo della buona stagione l’attenzione dei turisti si concentra sulle località balneari e sulla qualità delle loro vacanze. Un’informazione importante, utile per chi decide di approfittare delle bellissime coste marchigiane per una vacanza o per un semplice bagno è sicuramente quella relativa alla qualità delle acque di balneazione.

A tal proposito rispetto a quanto divulgato da Goletta verde il Comune di Porto Sant’Elpidio intende precisare che le acque di balneazione in corrispondenza della foce del Fosso di Castellanto sono eccellenti. Lo dimostrano le analisi dell’Arpam (Agenzia regionale per la protezione ambientale), organo di controllo ufficiale regionale della Pubblica Amministrazione, che, secondo quanto disposto dal Decreto legislativo n. 116/2008, mensilmente campiona le acque di balneazione riportando scrupolosamente i dati inerenti la presenza di escherichia coli e enterococchi che determinano la classificazione delle acque in eccellente, buona, sufficiente e scarsa.

“Una qualità eccellente delle acque – spiega il Sindaco Nazareno Franchellucci - prevede la presenza al massimo di 500 escherichia coli e 200 enterococchi su 100 ml d’acqua. Nell’ultimo prelievo, effettuato lo scorso 13 giugno (5 giorni prima di quello fatto da goletta verde), nelle acque di balneazione alla foce del Fosso di Castellano risulta la quasi totale assenza, essendo il valore disoli 2 escherichia coli e 4 enterococchi, quindi acque classificate eccellenti.

Non a caso la città di Porto Sant’Elpidio è stata anche insignita della Bandiera Blu che ha criteri ben più rigidi e classifica come acqua di balneazione eccellente quella in cui vi è una presenza massima di 250 escherichia coli e 100 enterococchi su 100 ml d’acqua. I criteri di valutazione della qualità delle acque ed i dati di certificazione ottenuti confermano l’eccellenza della qualità delle nostre acque che non sono seconde a nessuno. Il ministero ha rivelato che il 96,6% delle acque di balneazione costiere d’Italia sono conformi alla normative europee (+4,7% rispetto al 2011), il che ci rende “praticamente i primi in Europa per la balneabilità delle acque marine e lo stato delle acque interne. Non capisco, dunque, da dove provenga questo stato di allarmismo che propone un quadro disastroso per le coste marchigiane.

Anche nelle campionature precedentemente effettuate la qualità delle acque risulta sempre eccellente lo scorso 27 maggio la presenza di escherichia coli era pari a 81 ed enterococchi 43; il 15 maggio era pari a zero e ad aprile il risultato è stato di 1 per escherichia coli e zero per enterococchi.

Nell’articolo di Legambiente si parla anche di anomalie sulla depurazione quando in realtà nel fosso in questione non ci sono scarichi fognari ma soltanto scarichi da acque piovane.

La foto pubblicata sul sito di Goletta Verde dimostra come in realtà nel fosso di Castellano non siano presenti liquami ma alghe naturali tipiche della flora del fosso ed indice della qualità naturale dello stesso che si formano a causa del ristagno delle acque a seguito di mareggiate.

Il Comune di Porto Sant’Elpidio effettua regolarmente la manutenzione della foce per far defluire le acque togliendo i cumuli di ghiaia apportati dalle mareggiate sulla foce del fosso, pertanto qualsiasi attività di prevenzione e controllo viene messa in campo dall’Amministrazione Comunale con risultati eccellenti come dimostrato dalle stesse Analisi effettuate dall’Arpam. Apprezzo e rispetto il lavoro svolto da Legambiente e ritengo fondamentale l’attività di prevenzione , informazione, educazione e sensibilizzazione svolta dalla stessa. Sono pronto a relazionarmi quanto prima con i referenti dell’associazione per un confronto, al fine di comparare i nostri dati con le loro rilevazioni e far chiarezza sulla questione.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2013 alle 19:51 sul giornale del 06 luglio 2013 - 1637 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant'Elpidio, Comune di Porto Sant'Elpidio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/O85