Cavalcata dell'Assunta: il Tiro con l'Arco 'raddoppia', nuovo regolamento

Cavalcata dell'Assunta 3' di lettura 20/03/2013 - Grandi novità in arrivo per la 19a edizione del Tiro per l'Astore, la gara tra arcieri delle Contrade fermane inserita nel vasto programma della Cavalcata dell'Assunta.

Da quest'anno raddoppieranno i tiratori: ogni Contrada schiererà non più un solo arciere ma due, ognuno dei quali avrà a disposizione tre frecce. Solo per la seconda postazione, la campana, ogni concorrente potrà effettuare due scoccate. La nuova formula del Tiro per l'Astore, che insieme al Tiro al Canapo e al Gallo d'Oro (la gara tra i tamburini delle Contrade) fa da corollario alla Corsa al Palio, è stata sancita dal Consiglio di Cernita nella riunione del 5 marzo, durante la quale sono stati approvati i nuovi regolamenti dei giochi storici.

Resta invariato lo svolgimento della gara: le dieci Contrade saranno divise in due batterie da cinque; ogni Contrada completerà due volte il percorso di tiro, formato da cinque postazioni (paglioni), e alla fine delle due prove verrà stilata la classifica del torneo, sommando i punteggi ottenuti dagli arcieri ad ogni paglione. Come nelle scorse edizioni, i tiri verranno effettuati dalla distanza di quindici metri e ogni postazione dovrà essere completata nel tempo massimo di due minuti, ma i cinque paglioni e i relativi punteggi sono stati adattati alla nuova formula, in particolare il pendolo, spostato dalla quinta alla quarta postazione e rivoluzionato nella modalità di tiro.

Se fino alla scorsa edizione compito degli arcieri era quello di evitare il pendolo e colpire il piatto posizionato al di là di esso, ora il bersaglio dei tiratori sarà il pendolo stesso. Uno degli arcieri farà iniziare il movimento oscillatorio tirando una fune per sbloccare il meccanismo, dopodiché ogni concorrente avrà a disposizione due frecce. Ognuno dei dardi che rimarrà infisso nel pendolo varrà 15 punti, per un totale di 60 punti (rispetto ai 30 assegnati fino alla scorsa edizione).

Cambiamenti importanti anche per il paglione con lo scudo, che passa dalla quarta alla quinta postazione e che, anziché un'unica fessura attraverso la quale far passare le frecce, avrà più fori. Al di là di essi saranno posizionati 4 piattini per un totale di 60 punti, contro i 45 assegnati fino alla scorsa edizione. Per quanto riguarda la prima postazione, saranno presenti non più tre ma sei piatti di dimensioni diverse, per un punteggio massimo di 120 punti (rispetto ai 60 delle scorse edizioni). Per il secondo bersaglio, la palla appesa alla campana, ogni arciere avrà a disposizione due frecce, che se messe a segno garantiranno 15 punti ciascuna, per un totale di 60 punti (contro i 45 delle scorse edizioni).

Il terzo paglione, quello con il fascio di canne, mette in palio 90 punti (15 per ogni freccia a bersaglio), il doppio rispetto ai 45 assegnati fino allo scorso anno. Resta invariata la regola per la quale gli arcieri partecipanti dovranno risiedere o essere nati nel territorio della Contrada per la quale gareggiano. Il nuovo regolamento avrà la validità di due anni e resterà dunque in vigore per le edizioni 2013 e 2014 del Tiro per l'Astore.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2013 alle 18:56 sul giornale del 21 marzo 2013 - 571 letture

In questo articolo si parla di tiro con l'arco, arco, fermo, arcieri, Cavalcata dell'Assunta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/KRb





logoEV
logoEV
logoEV