S.Elpido: stoccaggio gas; il 10 gennaio la decisione del Tar

2' di lettura 03/01/2013 - Giovedì 10 gennaio p.v. il Tar dovrà rispondere in merito alla richiesta di sospensiva del progetto di realizzazione di una centrale di stoccaggio per il gas metano nei pozzi, ora esauriti, esistenti nel territorio elpidiense, presso Palazzo Moroni in zona Villa Falconi.

Il ricorso è stato presentato dal Comune contro il decreto di compatibilità ambientale emanato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Incaricato di seguire la questione è l’avvocato Gian Luca Paolucci che ha piena conoscenza dello svolgimento dei fatti in quanto ha già rappresentato l’ente comunale per il ricorso intentato contro il decreto del dirigente della Regione Marche a suo tempo emesso.

“Questa amministrazione nutre delle serie perplessità in ordine alle ricadute della realizzazione dell’impianto sulla sicurezza dei luoghi e sulla salute dei cittadini interessati e relative all’impatto ambientale dell’impianto - osserva il Sindaco Alessio Terrenzi in merito alla vicenda – oltre che alle emissioni gassose nell’aria, all’inquinamento acustico, agli scarichi dei residui oleosi nelle falde acquifere, ai rischi idrogeologici, alle vibrazioni conseguenti ai trivellamenti, all’impatto paesaggistico, alle ripercussioni sulle previsioni di insediamento urbanistico realizzate e in corso di realizzazione. Insomma, temiamo per la salute dei nostri concittadini e per gli equilibri ambientali della zona pertanto abbiamo deciso di avversare in ogni modo possibile la realizzazione di tale impianto.

Come avevamo anticipato all’indomani dell’atto emesso dal Ministero, con cui si è dichiarata la compatibilità ambientale dello stesso, abbiamo dato seguito al nostro impegno affidando formale incarico ad un legale che ha dato corso all’impugnativa di tale atto. Ora attendiamo la pronuncia del Tar con l’auspicio che possano essere accolte le nostre istanze, nell’ottica della tutela della salute della cittadinanza tutta”. In attesa dalla pronuncia sulla sospensiva, l’Amministrazione Comunale si è mossa anche al cospetto della Regione Marche incontrando l’Assessore all’Ambiente Sandro Donati che si è impegnato a portare in Giunta Regionale, così come per San Benedetto del Tronto, la proposta di negare l’intesa chiesta dal Ministero dello Sviluppo Economico.

“Su tale fronte – aggiunge l’Assessore Marcello Diomedi, delegato dal Sindaco a seguire la vicenda – confidiamo in una pronuncia della Giunta Regionale contraria alla realizzazione dell’impianto, in linea con quanto espresso dal Consiglio Comunale elpidiense che su tale punto non ha dubbi. La richiesta di sospensiva che il 10 arriva al cospetto del Tar è la prova di come questa Amministrazione stia facendo tutto il possibile per affermare le proprie convinzioni, contrarie alla realizzazione dell’impianto”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-01-2013 alle 17:37 sul giornale del 04 gennaio 2013 - 558 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comune di Sant'Elpidio a Mare, stoccaggio gas

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HQP





logoEV