Porto S.Elpidio: prodotti alimentari scaduti o conservati non correttamente, denunciato un cinese

alimentari 30/11/2012 - Numerosi prodotti non conformi alle prescrizioni in materia di etichettatura, di conservazione e d’igiene sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza a Porto Sant’Elpidio.

I prodotti, conservati all’interno di un minimarket gestito da L.H., cinese di 41 anni, erano per lo più alimentari. Tra questi, pompelmi, canditi, verdure, radici di loto, budella di maiale, lattuga, soia, funghi, formaggio vegetale tofu, birra, confezioni di pasta e minestre, polpe di gamberi, spezie, semi e verdure varie, per un peso complessivo di 424 chili.

Inoltre nell’ambito dell’attività, eseguita congiuntamente al personale dell’ASUR di Fermo, i militari hanno sequestrato 425 articoli, rappresentati da giubbetti catarifrangenti, batterie e accessori per la loro ricarica, lampade, torce, sveglie, adattatori e, infine, prese elettriche, in quanto privi delle marchiature di sicurezza “CE”.

Pertanto l’imprenditore cinese è stato denunciato quale responsabile dei reati di frode nell’esercizio del commercio e vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11-2012 alle 00:55 sul giornale del 30 novembre 2012 - 917 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, alimentari, porto sant'Elpidio, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/GGQ