Pedaso: 13enne narcotizzato e sequestrato, liberato dopo poche ore

Carabinieri 1' di lettura 30/09/2012 - E' tinto di giallo il sequestro lampo di un ragazzino di Pedaso, originario della Romania, avvenuto venerdì pomeriggio.

Il ragazzo, 13 anni, ha raccontato ai carabinieri di essere stato immobilizzato e stordito on un fazzoletto imbevuto di una sostanza narcotizzante da alcune persone mentre passeggiava sul lungomare nord, attorno alle 18. Si è poi risvegliato poco dopo le 20 all'interno di un bagagliaio di una macchina, ed è riuscito a chiamare il padre con il teledonino. I rapitori però scoprono il tentativo e narcotizzano di nuovo il giovane. Il padre del 13enne intanto allerta i carabinieri di Pedaso, che avviano subito le attività di ricerca dello scomparso.

Sembrano non esserci tracce ma poco dopo le 21.30 arriva la segnalazione di un ragazzino ritrovato da un passante a Marina di Altidona. E si tratta proprio del 13enne. Sul posto si recano carabinieri e 118, che lo trasportano al pronto soccorso di Fermo per medicare alcune escoriazioni ed effettuare l'analisi del sangue, al fine di individuare la sostanza usata per il rapimento. La brutta avventura del ragazzo finisce dopo essere stato interrogato, assieme al padre, dai militari.

La Procura di Fermo ha aperto un fasciscolo: le circostanze e le cause del presunto rapimento sono ancora tutte da chiarire. Tutte le ipotesi sono percorribili: un avvertimento a qualche familiare del ragazzo, il gesto di un maniaco, la bravata di qualche balordo.






Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2012 alle 17:30 sul giornale del 01 ottobre 2012 - 1245 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, pedaso, sequestro di persona, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/EoK





logoEV
logoEV