Tagli all’istruzione, Buondonno esprime solidarietà agli studenti del linguistico e dell’ITCG

buondonno 2' di lettura 07/09/2012 - “Esprimo la mia piena solidarietà ed il sostegno della Provincia di Fermo agli studenti ed alle famiglie dell’indirizzo linguistico del Liceo Scientifico ed a quelli dell’ITCG di Fermo. La logica dei tagli all’istruzione, che tante volte abbiamo denunciato e criticato, continua a produrre danni, a ledere diritti ed a ridurre, in sostanza, i livelli e la qualità del sistema formativo italiano e, di volta in volta, ne fanno le spese segmenti diversi della scuola pubblica.

È evidente che in indirizzi linguistici occorre una possibilità di articolazione ed una elasticità territoriale nella scelta delle lingue; esigenza che è costantemente in contraddizione con la rigidità della politica di tagli del Governo nazionale, che risponde solo ad astratti criteri numerici, senza tenere conto delle specificità territoriali e della qualità. Questa politica (tra l’altro contraddittoria, visto il prossimo concorso), è, purtroppo, in sostanziale continuità con quella del Governo precedente e continua a non essere giustificabile poiché la spesa italiana per la scuola è meno della metà della media europea e proprio la crisi economica richiederebbe maggiori e mirati investimenti nel sapere e nella formazione. Ad esempio, è ingiustificabile che uno dei primi distretti industriali per gli scambi commerciali con la Russia veda, in questa fase, lesinate e contratte le risorse per la conoscenza di quella lingua che, non a caso, è in costante e consistente crescita di iscritti.

Certo, è positivo che, almeno quest’anno, sia stata confermata senza le consuete necessarie proteste e pressioni da parte nostra la classe di russo, ma, appunto, con un solo gruppo, non sufficiente ad esaurire la richiesta. Abbiamo interrogato e sollecitato l’Ufficio Scolastico Regionale che non ha, però, (nonostante la serietà e disponibilità della nuova Dirigente dell’Ambito Territoriale 5) concesso alcuna speranza di soluzione. Torniamo a chiedere con forza che questa scelta venga rivista, garantendo una offerta formativa che risponde ad esigenze reali anche di natura sociale ed economica.

Ci sembra, inoltre, indispensabile (e questo abbiamo chiesto più volte all’Ufficio Scolastico Regionale) che, prima di procedere all’assegnazione degli organici, si svolga in ciascun territorio un tavolo tecnico-istituzionale che consenta ai Presidi, alle Amministrazioni Provinciali, ai Sindaci ed alle Organizzazioni Sindacali di manifestare le rispettive esigenze e di conoscere pubblicamente i criteri dell’Ufficio Scolastico nell’assegnazione di tali organici. Ad esempio, ci risulta assolutamente incomprensibile quali siano stati i criteri che hanno spinto l’Ufficio Scolastico Regionale ad assegnare - in condizioni sostanzialmente identiche - una prima classe all’Istituto Professionale di Comunanza, negandola a quello di S. Vittoria in Matenano”.


L’Assessore alla Cultura
Prof. Giuseppe Buondonno






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2012 alle 20:44 sul giornale del 08 settembre 2012 - 1570 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, provincia di fermo, buondonno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DAw





logoEV
logoEV