Troppo caldo, le cimici invadono le case

cimice dell'olmo 1' di lettura 13/08/2012 - Anche le cimici patiscono il caldo rovente che caratterizza quest'estate.

E per trovare refrigerio hanno invaso le case, soprattutto quelle dotate di impianti di climatizzazione, dove si annidano negli infissi di porte e finestre. Fenomeno particolarmente diffuso a Fermo, dove si è registrato una proliferazione della Cimice dell'Olmo, un insetto lungo 4/7 mm, che tende a colonizzare le chiome degli olmi urbani e di altre piante simili.

Molti cittadini, impauriti da tale fenomeno, hanno tempestato di telefonate l’Ufficio Ambiente del Comune per richiedere un trattamento urgente. Dall'Assessorato all'Ambiente fanno sapere che l'insetto non è patogeno per le piante su cui vive, e non è nemmeno pericoloso per l'uomo o gli animali. L'unico inconveniente è il cattivo odore che emanano se schiacciati.

Si tratta di un fenomeno del tutto eccezionale, dunque intervenire sulle piante non potrà dare alcun risultato. Inoltre, a seguito di un intervento antiparassitario effettuato in via sperimentale, si è riscontrata l’inefficacia del trattamento (l’effetto è durato meno di 24 ore).






Questo è un articolo pubblicato il 13-08-2012 alle 18:14 sul giornale del 14 agosto 2012 - 762 letture

In questo articolo si parla di cronaca, caldo, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/COt