Maxi giro di fatture false per oltre 100 milioni di euro, denunciate 32 persone

Guardia di finanza 1' di lettura 09/08/2012 - La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Ascoli Piceno ha portato alla luce, nell’ambito di un’articolata indagine delegata dalla Procura di Fermo, un maxi giro di fatture false per oltre 100 milioni di euro emesse dal 2007 al 2011.

L’operazione, denominata "Night and day", ha portato alla denuncia di 32 persone, per i reati di associazione per delinquere, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, occultamento o distruzione di documentazione contabile, indebite compensazioni d’imposta e falsità in scrittura privata. Sequestrati beni mobili e immobili, conti correnti bancari riferibili agli indagati e alle società coinvolte, per circa 33 milioni di euro.

L’indagine, condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria di Ascoli Piceno, ha scoperto un'articolata attività di evasione fiscale connessa agli scambi commerciali con la Repubblica di San Marino e altri Paesi comunitari. Più in specifico è venuto alla luce che numerose aziende commerciali e manifatturiere del fermano e maceratese hanno fraudolentemente costituito illeciti crediti Iva, beneficiando di conseguenza di rimborsi non spettanti, mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Scoperti violazioni alle imposte sui redditi per oltre 82 milioni di euro, all’IVA per oltre 31 milioni di euro, indebite compensazioni d’imposte per quasi 3 milioni di euro e imponibile Irap evasa per oltre 81 milioni di euro.






Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2012 alle 16:56 sul giornale del 10 agosto 2012 - 831 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, evasione fiscale, fatture false, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/CGn





logoEV
logoEV