Smerillo: torna il festival 'Le parole della montagna'

Smerillo 2' di lettura 26/07/2012 - Mentre fra i vicoli del piccolo Borgo di Smerillo, si respira ancora il successo e l’armonia che hanno caratterizzato le prime due giornate di incontro, il Festival organizza il secondo weekend che si preannuncia ancora più ricco di eventi.

Si inizia venerdì 27 luglio alle ore 17,00 con la consueta parentesi poetica, stavolta affidata alla voce più interessanti della poesia di nuova generazione, caratterizzata da una compiutissima maturità espressiva. Si prosegue con le riflessioni del teologo Luciano Manicardi ed il filosofo Roberto Mancini, sul significato trascendente e simbolico della ascesa alla vetta e della discesa all’abisso. A seguire, dopo un momento di convivialità e degustazione di prodotti tipici del territorio, il concerto di musica jazz con i MILK, famoso gruppo milanese.

Sabato 28 luglio si riparte alle ore 17,00 ancora con la poesia, tramite i versi di Alessandro Catà, noto poeta marchigiano. Subito dopo l’incontro con l’attesissimo filosofo-poeta Marco Guzzi, voce nota ed assai apprezzata per aver condotto per moltissimi anni programmi radiofonici di grande successo come “3131”, che sfruttando le simbologie della montagna, ci introdurrà in un percorso di liberazione che conduce alla vetta, passando proprio attraverso gli abissi.

Conclude la serata, dopo la solita pausa di convivialità, l’eccezionale spettacolo “La Notte Oscura” di Marco Poeta, con voce narrante di Giulia Poeta ed introduzione di Simonetta Paradisi, Direttore Artistico del Festival. Con l’esperienza musicale della sua dodici corde, Poeta musica la famosa opera poetica-spirituale del mistico spagnolo, S. Giovanni della Croce, che narra il viaggio dell’anima in ricerca dell’unione perfetta con Dio.

Domenica 29 luglio, appuntamento alle ore 8,00 al Rifugio Città di Amandola, a Campolungo, per iniziare la più straordinaria escursione nell’abisso della Sala del Trono luogo del profondo, dove si consumano percezioni sensoriali incredibili. Giunti nella Sala del Trono, dopo un percorso non facile che richiede una giusta preparazione, ci sarà uno spettacolo teatrale sull’abisso dell’uomo, accompagnato dalle percussioni di Angelo Casagrande.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-07-2012 alle 17:16 sul giornale del 27 luglio 2012 - 624 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, le parole della montagna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/B71





logoEV
logoEV