S. Elpidio: riassetto del personale, Terrenzi replica al Pd

Niccolò Rinaldi e Alessio Terrenzi 3' di lettura 22/07/2012 - Il primo cittadino elpidiense replica ad un recente intervento del PD in merito al riassetto del personale, in corso in questo primo periodo di mandato.

“La doppia morale del PD elpidiense è del tutto evidente nel comunicato con il quale criticano l'azione rinnovatrice del sindaco Terrenzi. Quando fu il sindaco Mezzanotte a sostituire il segretario ed i capi area lo spoil system era cosa buona, giusta e benefica per l'ente, oggi invece che a fare la stessa cosa è il sindaco Terrenzi, sembrerebbe che ciò possa causare il finimondo nel comune di Sant'Elpidio a Mare. Stia pure tranquillo il PD, ma sopratutto (ed è questo più che ci preme) lo siano i cittadini, le persone che sono state scelte per guidare la macchina comunale, sono tutte competenti e stimate, per intero provenienti dall'interno dell'ente e che godono del rispetto e della stima, sia dei nuovi amministratori che dei colleghi, cosa che garantisce all'ente un clima sereno e di fattiva collaborazione come non mai prima d'ora si era avuto.

Per quanto riguarda poi la figura del segretario, verrà anch'essa sostituita presto e bene, mentre nel frattempo le funzioni saranno rette con il consueto garbo e professionalità dalla Dott.ssa Perticarini. Non vi saranno quindi, ne vuoti ne problemi per i cittadini, tutto avverrà nel completo rispetto delle norme di legge e delle prerogative del Sindaco. Se al PD questo non sta bene non ci possiamo fare nulla, anzi, per certi versi la loro scomposta reazione ci conforta sulla bontà della strada intrapresa.

L'intera opera di riconfigurazione delle figure apicali dell'ente, è avvenuta in pochi giorni e senza che il comune e soprattutto i servizi ai cittadini ne risentissero in alcun modo, il fatto che l'ex sindaco Mezzanotte - come rivendicato dal PD - per fare la stessa cosa abbia impiegato due anni, la dice lunga sulla diversa efficienza tra la vecchia e la nuova amministrazione. Tanto per essere chiari, io ho amministrato con il Pd fino a qualche tempo fa per cui so bene che proprio dall’interno di quell’amministrazione si brontolava spesso per via di un sentito malumore relativo ad alcune figure professionali in forza all’epoca.

Malumore che anche io condividevo: la differenza tra me e loro, però, sta nel fatto che io ho il coraggio di fare delle scelte che in precedenza, invece, non sono state fatte malgrado nelle segrete stanze ci si lamentasse in abbondanza. Quanto poi il PD sia ancora distaccato dalla realtà, dovendo forse ancora assorbire la batosta elettorale, lo si vede bene quando cita il mancato rinnovo di quelli che vengono pudicamente definiti “incarichi a tempo determinato”, questi incarichi infatti dovrebbero essere chiamati con il loro nome ovvero: “incarichi sindacali”, tali incarichi sono affidati dal sindaco a propria discrezione e per legge decadono con esso.

Quelli affidati da Mezzanotte che erano tre, sono quindi tutti decaduti il giorno stesso nel quale ha lasciato il comune, se a questo aggiungiamo che le nuove normative in termini di finanza locale, non permettono al nuovo Sindaco neppure un'assunzione di questo tipo, ci chiediamo come faccia il PD in questo caso a parlare di “mancato rinnovo”, evidentemente neppure sanno di quello di cui parlano.

Forse non si sono resi ancora ben conto che di aver perso le elezioni, si mettano il cuore e l'anima in pace, per i prossimi cinque anni l'indicazione delle figure apicali del comune non competerà di certo a loro, ben altre sono le competenze - e di quelle è bene che si occupino - di chi dai cittadini è stato relegato ad essere nel nostro consiglio comunale, larga minoranza”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-07-2012 alle 16:55 sul giornale del 23 luglio 2012 - 990 letture

In questo articolo si parla di politica, Sant'Elpidio a Mare, Comune di Sant'Elpidio a Mare, niccolò rinaldi, alessio terrenzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/BVO





logoEV