Basket: il general manager Crovetti, 'Difendo il nostro lavoro'

fabi shoes montegranaro 3' di lettura 26/04/2012 - Questo finale del campionato di Serie A 2011/2012 è atipico. Ormai tutti i verdetti della stagione regolare sono scritti, e daranno vita ad un play off che si presenta come il più incerto degli ultimi tornei.

Intervengo per parlare della nostra Sutor perchè le critiche, anche un po' gratuite, si stanno sprecando su un finale di stagione che non può e non deve inficiare il lavoro egregiamente svolto da questo gruppo. Il 14 novembre mi è stato affidato dalla proprietà il compito di salvare la serie A. Ciò è accaduto di fatto la sera del 18 marzo, a nove giornate dalla fine del campionato, per meriti propri, dopo che la squadra ha battuto con uno scarto di 11 punti la Novipiù Casale.

In pratica in quattro mesi, dall'ultimo posto con una situazione tecnica, fisica e psicologica della squadra assolutamente perdente, si è riusciti a trasformare il cigno nero in cigno bianco che si è permesso di lottare alla pari, e anche battere, alcune big che giocheranno per vincere lo scudetto.
Ci sono due flashes in questa storia ai quali tengo tanto: la prima riunione del 15 novembre tenuta con lo staff tecnico, sanitario, con i giocatori e i ragazzi dell'ufficio e l'incontro di due giorni dopo con i nostri tifosi al Bar del Commercio.
Lì abbiamo messo la prima pietra per la salvezza della Sutor. Tutti hanno capito il messaggio.

E così un gruppo di lavoro sfiduciato e sfilacciato dentro il campo, nella sala allenatori, nella sede di viale Zaccagnini 108 è diventato un pugno unito che ha vinto la sua battaglia e mi ha permesso di dire a Tiziano, Edo e Marco "Missione compiuta".
Ed ora se c'è una calo di tensione ovvio, per lo sforzo profuso tutti i giorni sul campo, e che ora i giocatori iniziano a pagare fisicamente e mentalmente, bisogna capire che tutto ciò rientra nello sforzo della sfida dell'umano, così come con l'umanità, il sacrificio, la comprensione siamo
riusciti a conservare a Montegranaro la serie A. Montegranaro, questo posto così particolare sul cocuzzolo di una montagna che ha avuto sino ad ora la forza e il merito di stare con le metropoli e le provinciali che hanno scritto la storia del basket italiano.

Ora la partita della salvezza, questa volta societaria, si gioca su un altro tavolo tra persone capaci e di buon senso che amano la Sutor e che sapranno trovare la soluzione giusta per scrivere un nuovo futuro gialloblu, per un popolo orgoglioso, che si è anche allargato ad Ancona, e che ha un appuntamento domenicale da rispettare, come fosse una messa.
Per questo al di là dei risultati di questo ultimo scorcio di campionato, nel quale scontiamo la storia difficile di questa stagione, difendo il lavoro del mio gruppo. Grazie veramente di cuore allo staff tecnico, sanitario, ai giocatori, ai ragazzi dell'ufficio di avermi permesso di poter dire alla Triade, ben oltre un mese fa, "Missione compiuta".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2012 alle 14:15 sul giornale del 27 aprile 2012 - 765 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, Montegranaro, premiata montegranaro, sutor

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/yg6





logoEV
logoEV