x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Lido Tre Archi: un progetto comune di sviluppo urbano che riguardi tutta la città

2' di lettura
3166
da Comune di Fermo
www.fermo.net

fermo

Lido Tre Archi ha una storia antica di difficoltà, soprattutto dal punto di vista sociale, ma non può e non deve essere considerato il “cestino malato” della città.

Per questa Amministrazione, Tre Archi è una parte di Fermo, e come tale va seguita, amministrata, valorizzata, così come occorre mettere in moto ogni iniziativa che possa servire a risolvere gli annosi problemi del quartiere.

Comprendiamo le parole del parroco, don Sebastiano, in prima linea, per il suo ruolo, nell’affrontare le mille difficoltà che oggi attanagliano tante famiglie, molte delle quali residenti nel quartiere, ma sappia che non è solo in questo lavoro. I Servizi Sociali del Comune sono attivi, da anni, su questo fronte, che necessita sicuramente di una attenzione e di interventi qualificanti, data anche la specificità del quartiere.

Da qualche tempo sono stati attivati servizi polivalenti nell’ambito del progetto “Punto Incontro”, un progetto di rete che coinvolge più associazioni operanti nell’ambito dell’assistenza e contro il disagio sociale nel quartiere. Apprezziamo l’intervento del Consigliere Romanella che ha ricordato l’impegno suo e di questa Amministrazione nel voler approntare progettualità ed interventi che portino ad un miglioramento della qualità della vita per i cittadini e le attività di Tre Archi.

La riqualificazione urbanistica e di vivibilità, avviate da tempo, rappresentano un buon punto di partenza per restituire a Lido Tre Archi quella dignità che troppo spesso rischia di venir offuscata da vicende di cronaca. È preciso impegno di questa amministrazione mettere in campo le energie progettuali e di intervento che possano consentire a Lido Tre Archi, così come a tutte le zone periferiche ed ai quartieri della città, di sentirsi parte integrante di un progetto comune di sviluppo che riguarda l’intera realtà urbana attivando sinergie con chi opera sul “campo”, a diversi livelli, dalle parrocchie ai commercianti, dalle associazioni ai singoli cittadini.



fermo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2012 alle 15:21 sul giornale del 31 gennaio 2012 - 3166 letture