x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ghini e Bocci in scena al Teatro dell’Aquila con 'La Cage aux Folles'

1' di lettura
745
da Comune di Fermo
www.fermo.net

Massimo Ghini e Cesare Bocci

In occasione dello spettacolo “La Cage aux Folles” che si terrà oggi e domani, mercoledì, al Teatro dell’Aquila di Fermo nell’ambito della stagione teatrale 2011/2012, è stato organizzato un incontro con la stampa e la cittadinanza nel pomeriggio di mercoledì cui parteciperanno i due protagonisti della pieces teatrale, Massimo Ghini e Cesare Bocci.

All’incontro, che si terrà presso il Palazzo dei Priori alle ore 16 e sarà ad ingresso libero, interverranno il Sindaco Nella Brambatti, gli Assessori alla Cultura del Comune e della Provincia di Fermo, Francesco Trasatti e Giuseppe Buondonno, il Vice Presidente del Consiglio Regionale delle Marche, Paola Giorgi, il Vice Presidente della Steat, Letizia Bellabarba.

Nell’occasione verrà presentata la campagna contro l’omofobia realizzata dall’Associazione “Diritto Forte”, e patrocinata da Consiglio Regionale delle Marche, Provincia di Fermo, Comune di Fermo, Comune di Macerata, Comune di Civitanova Marche, Steat e Contram.

“Il tema raccontato nello spettacolo, che è la riproposizione, in chiave teatrale, del film “Il vizietto”, ci sembrava quello giusto per dare spazio alla campagna contro l’omofobia che, come Comune di Fermo, insieme ad altri soggetti istituzionali, abbiamo sostenuto e promosso” così l’Assessore Trasatti esordisce per presentare l’incontro con gli attori Ghini e Bocci. “Sono felice che entrambi abbiano accolto questa proposta ma, soprattutto, voglio sottolineare” ha continuato Trasatti “come prosegua l’idea di affiancare allo spettacolo un momento di approfondimento e di confronto con la cittadinanza approfittando della presenza del cast, un modo per rendere ancor più vivo ed interessante il teatro e farlo relazionare, fuori dal palco, con la città.”



Massimo Ghini e Cesare Bocci

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2012 alle 15:15 sul giornale del 25 gennaio 2012 - 745 letture