x

SEI IN > VIVERE FERMO > ECONOMIA
comunicato stampa

Autotrasporto, sospensione del fermo. Confartigianato ricevuta dal Prefetto Zarrilli

2' di lettura
973
da Confartigianato di Ascoli e Fermo
www.uapi.org

Emilia Zarrilli, Luca Soricetti e Piero Di Ridolfi

La sospensione del fermo dell’autotrasporto così come deciso a livello nazionale è un atto di responsabilità della categoria ma questo non significa che i problemi del settore siano improvvisamente svaniti. E’ per questo che Confartigianato Fermo è stata ricevuta dal Prefetto di Fermo, Emilia Zarrilli.

L’incontro chiesto al Prefetto - ed al quale hanno partecipato il Presidente di Confartigianato Imprese Fermo Luca Soricetti, il Presidente degli autotrasportatori Confartigianato Fermo Piero Di Ridolfi, il Responsabile interprovinciale della categoria Autotrasporti Giorgio Rocchi - è stata l’occasione per esporre i numerosi problemi della categoria e per rappresentare quanto sia importante, nell’economia del territorio e nella vita delle famiglie della provincia fermana, il settore dell’autotrasporto merci conto terzi.

Il settore è una realtà molto significativa per l’economia locale su cui incombono pesanti minacce, come nel resto del territorio regionale, con oltre 400 imprese chiuse negli ultimi due anni. La difficoltà nel fare impresa nel trasporto su gomma è evidente e sotto gli occhi di tutti con gli aumenti generalizzati del costo del carburante, aumentato del 28% nel solo anno 2011, l’aumento delle accise, l’aumento del costo delle assicurazioni. A questo si aggiungono le incertezze normative, l’aumento delle giornate di divieto di circolazione che diventano 86 nel 2012, il mancato rispetto dei cosiddetti “costi minimi” che seppure previsti dalla legge di fatto non trovano regole certe per il controllo sulla loro effettiva applicazione, l’eliminazione della qualificazione professionale per l’accesso all’Albo per determinate categorie di automezzi, con possibili ricadute negative sulla sicurezza stradale.

Al Prefetto Zarrilli sono state rappresentate, da parte dei dirigenti della Confartigianato di Fermo, tutte le motivazioni alla base della proclamazione del fermo dei mezzi, protesta che è stata sospesa e non revocata, in attesa dei provvedimenti annunciati dal Governo, con la riserva di dare attuazione all’iniziativa proclamata qualora gli impegni non venissero rispettati nei tempi tecnici necessari alla conversione in legge dei provvedimenti annunciati in Parlamento.

Il Prefetto ha prestato molta attenzione alle tematiche della categoria, peraltro già approfondite ed oggetto della sua attenzione e di taluni interventi, in particolare nel rafforzamento della vigilanza contro i furti dei carburanti perpetrati ai danni dei camion in sosta e della prevenzione con una più intensa attività di monitoraggio del traffico stradale.

Il Prefetto Zarrilli, mentre da un lato si è confermata disponibile a sostenere eventuali attività formative per gli operatori del settore connesse al rispetto della legislazione vigente e del Codice della Strada, ha inoltre assicurato, nell’ambito degli interventi di sua prerogativa, la segnalazione al Ministero dell’Interno ed alla Presidenza del Consiglio dei Ministri delle problematiche al centro dell’incontro a palazzo Sassatelli.



... Emilia Zarrilli, Luca Soricetti e Piero Di Ridolfi


Emilia Zarrilli, Luca Soricetti e Piero Di Ridolfi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-01-2012 alle 11:58 sul giornale del 23 gennaio 2012 - 973 letture