Basket: show al Palarossini, Montegranaro abbatte Sassari che conferma il suo mal di trasferta

basket sutor 6' di lettura 28/12/2011 -

Una Fabi Shoes spumeggiante dà spettacolo davanti ai quasi 4000 del Palarossini e abbatte una Dinamo Sassari che conferma il suo mal di trasferta. Agli uomini di Valli è bastato un primo tempo strepitoso per impadronirsi della gara, poi controllata quasi senza alcun problema fino alla sirena che ha sancito l’85-76 finale.



Aggressività in difesa e fluidità offensiva le chiavi della vittoria della Sutor, che chiude con ben 22 assist (su 34 canestri), a sottolineare quanto bravi siano stati i gialloblù a passarsi la palla in attacco. Eccellente il ritorno di Kirksay davanti al suo pubblico: pochi punti (5), ma 5 assist, 13 rimbalzi e 5 recuperi, il factotum che tanto era mancato nelle scorse settimane. In doppia cifra anche Ivanov (16), Brunner (14 in 15 minuti), Zoroski, Karl e Nicevic, autore di 10 punti con uno splendido 5/5 da 2.

A Sassari non bastano l’ottima prova di Sacchetti e quelle dei cugini Diener, 20 punti per Travis, 27 per un Drake ispiratissimo. Proprio Drake ha aperto il match con un 5-0 di parziale, subito riequilibrato con l’aiuto di un ottimo Mazzola, gratificato da Valli con la presenza in quintetto, autore di 8 punti nel primo quarto. Partita molto equilibrata e spettacolare con gli attacchi a far da padroni e le difese piuttosto passive. La Fabi alza l’intensità in chiusura di quarto e riesce a piazzare l’allungo (complice l’uscita di T. Diener dopo 2 falli) col neo-papà Brunner, entrato dalla panchina, autore di 5 punti in fila. Il primo parziale va in archivio sul 26-17. I primi 3 minuti del secondo quarto sono disastrosi per i sardi: la difesa è inesistente, Brunner passeggia sotto canestro, mentre da fuori Zoroski e Karl sono chirurgici. Al 13’ è 37-19 per la miglior Fabi della stagione.

Lentamente arrivano segni di risveglio dagli ospiti con Sacchetti e i soliti Diener, che però non possono bastare nella serata “no” di Hosley. Un’altra bomba di Zoroski manda le squadre negli spogliatoi sul 52-37 (nonostante 18 punti di D. Diener). Come previsto nel secondo tempo gli uomini di Meo Sacchetti cambiano atteggiamento e complice qualche errore in attacco della Fabi, rientrano fino al -7 (60-53). La Sutor però riesce brillantemente a difendersi e grazie a 3 canestri in fila di Nicevic ed una bomba di Di Bella scappa ancora a +18 a 8’ dalla fine (76-58). Gli Isolani, seguiti da parecchi tifosi, tornano rapidamente a -10 guidati da Hosley, ma non sfruttano un paio di palloni decisivi grazie anche alla buona difesa Fabi, che così arriva al termine senza dover soffrire nel finale. I gialloblù vincono 85-76 e chiudono il 2011 casalingo al meglio.

La squadra di Valli sale a 8, 4 punti in più di Teramo, ferma all’ultimo posto. Sassari resta a 10. Inizia bene il ciclo di partite che terminerà il 15 gennaio, ma fondamentali saranno le prossime 2: venerdì a Cremona (diretta Rai Sport, come non succedeva dai tempi della Legadue), si fa visita alla penultima in classifica, mentre martedì al PalaRossini sarà la volta proprio di Teramo. Sfide per salutare le zone basse e prendere finalmente una boccata d’aria. Stasera è solo l’inizio, anche se vista la Fabi di oggi c’è di che star sereni.

Questi i tabellini del match:

Fabi Shoes Montegranaro -Banco Sardegna Sassari 85 -76 (26-17; 52-37; 67-57)

FABI SHOES MONTEGRANARO: Karl 12,Piunti ne, Perini ne, Antonutti, Nicevic 10, Zoroski 14, Di Bella 6, Mazzola 8, Kirksay 5, McNeal, Brunner 14, Ivanov 16. All.:Valli.

BANCO SARDEGNA SASSARI: Metreveli 5, Binetti ne, Hosley 10, Devecchi, Diener T. 20, Sacchetti 12, Plisnic, Diener D. 27, Vanuzzo, Pinton, Easley 2. All: Sacchetti


LA SALA STAMPA DI FABI SHOES-DINAMO SASSARI

Un Giorgio Valli molto soddisfatto si presenta in sala stampa e commenta la vittoria della sua Fabi Shoes: “Come ripeto da un po’ ho bisogno di tutti i miei giocatori. Stasera tutti hanno fatto qualcosa, hanno giocato per aiutare la Sutor e questo ci permetterà nel bisogno di sopperire anche a qualche giornata storta di qualcuno che può capitare. Giocare contro Sassari è difficile, è una squadra che ha un talento immenso e che può rimontare anche grossi gap come ha dimostrato in varie occasioni quest’anno. Nei primi 20 minuti abbiamo giocato benissimo, in difesa aggressivi mentre in attacco abbiamo fatto girare la palla. Nel secondo tempo loro sono cresciuti, sono tornati anche a -7 ma siamo stati bravi ad attaccare e a dare la palla ai nostri lunghi. Soprattutto mi è piaciuto Kirksay che è stato bravo a passare la palla agli uomini giusti. Ora ho 10 giocatori, anche Brunner sta tornando al massimo, e posso far giocare chiunque titolare, l’importante è che tutti diano qualcosa. Stasera grazie a Dio sono stati in tanti”.

“McNeal non è entrato in ritmo in attacco, forse ha sofferto l’entrare dalla panchina, però ha difeso benissimo. Ha sbagliato qualcosa quando ha pensato di dover dimostrare a tutti delle cose, ma va bene così. Da domani prepariamo la gara con Cremona. Non possiamo fermarci almeno fino al 15 gennaio. In questo periodo, in pieno tour de force dobbiamo migliorare soprattutto nel cercare maggiormente il gioco interno e nel passarci la palla ancora meglio. I margini di miglioramento sono enormi”.

Queste le parole in sala stampa dell’allenatore della Dinamo Sassari Meo Sacchetti che commenta così la sconfitta dei suoi: “Fuori casa non possiamo permetterci dei primi tempi in cui ci allontaniamo tanto e il divario dai nostri avversari diventa troppo ampio: quest’anno ci succede un po’ troppo spesso e sono preoccupato perché la differenza di rendimento tra casa e fuori di alcuni giocatori è eclatante. Oggi siamo rientrati, ma a quel punto non avremmo dovuto più sbagliare nulla e non ci siamo riusciti”.

“Per quanto riguarda Easley, il nuovo arrivo, ha dato energia, ma per ora ovviamente è un pesce fuor d’acqua: venendo dalla Legadue deve abituarsi ad un altro tipo di fisicità. Non è lui una causa della sconfitta. Ci siamo trovati contro una Sutor diversa da come l’aspettavamo, con un giocatore di squadra come Kirksay in più: ora hanno rotazioni più lunghe, più fiducia e giocare con fiducia li aiuta. Noi torniamo in casa dove ci troviamo meglio ma a questo punto spero anche nella rabbia dei giocatori dopo questa prestazione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-12-2011 alle 12:00 sul giornale del 29 dicembre 2011 - 644 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, ancona, Montegranaro, premiata montegranaro, sutor

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tpe





logoEV
logoEV