Adolescenti fermani, ma chi sono?

ragazzi adolescenti 3' di lettura 29/04/2011 -

Mangiano abbastanza bene, dormono meno ore di quelle che dovrebbero, fanno una moderata attività fisica, la metà di loro si è ubriacata almeno una volta, oltre il 40% di loro ha avuto un rapporto sessuale completo, hanno più di quattro amici a testa, ma dedicano più tempo alla tv che allo studio.



Sono solo alcuni dati emersi dalla presentazione dell’indagine statistica sugli stili di vita dei ragazzi tra i 16 e il 18 anni svolta in 13 istituti scolastici del fermano e che ha coinvolto 848 studenti, che si è svolta stamattina al Centro congressi San Martino nel corso della cerimonia ufficiale di premiazione del 2° Concorso premio “Matteo Biancucci” sul tema della donazione, promosso dall’Aido di Fermo insieme con i Rotary clubs della Provincia di Fermo e la zona territoriale 11 dell’Asur.

La rilevazione è il frutto del lavoro fatto dai volontari dell’Aido, dell’Admo, dell’Avis Fermo e dei medici Alberto Viozzi (coordinatore locale per i trapianti) e Ornella De Masi (dirigente del centro trasfusionale dell’ospedale “Murri” di Fermo) che da ottobre a gennaio hanno svolto 60 ore di attività nelle classi della scuole coinvolte. Le risposte, rigorosamente anonime, hanno mostrato un sorprendente spaccato della vita degli adolescenti fermani riguardo otto tematiche: alimentazione, sonno, attività fisica, uso di sostanze psicotrope, sessualità, tempo libero, rapporto con i pari, rapporto con insegnati e scuola. Facendo una breve panoramica dei dati raccolti i giovani fermani dormono 7,4 ore per notte, quando avrebbero bisogno di almeno 9 ore di riposo pieno; i due terzi praticano un’attività fisica moderata e costante e il 36% fuma saltuariamente o regolarmente; il 54% ha preso almeno una volta una “sbronza” e sebbene il 41% ha avuto rapporti sessuali solo il 35,1% di questi ultimi dichiara di usare metodi contraccettivi. Durante il giorno i ragazzi trascorrono, mediamente, 2,4 ore davanti alla Tv, 2 davanti al pc o alla playstation, 2,2 davanti ai libri. Più di tre pomeriggi e quasi due sere a settimana sono dedicate agli amici e il 92% si trova bene nella propria classe.

Al concorso hanno partecipato studenti dell’ultimo biennio delle scuole di secondo grado della provincia di Fermo che hanno inviato elaborati sul tema della donazione in tre forme, letteraria, multimediale e pittorico-fotografica. Questo l’elenco dei vincitori:
- Sezione letteraria: 1° Laura Merlonghi (4° Istituto tecnico commerciale per geometri e per il turismo “Carducci-Galilei” - Fermo), 2° Giulia Baldassarri (2° Liceo classico “Annibal Caro” - Fermo), 3° Giuditta Liberati (4° Liceo scientifico parificato “Da Vinci” - Fermo);
- sezione multimediale: 1° un gruppo di studenti (Marenghini, Lafratta, Belleggia, Arcangeli) del 4° Itcgt “Carducci-Galilei”
- Fermo, 2° Paola Pasqualini (2ª Liceo classico - Fermo), 3° un gruppo di studenti (Malaspina, Iuvalè, Quinzi, Falconi) del 4° B/C Istituto statale d’arte “Preziotti”;
- sezione pittorico-fotografica: 1° Tania Egidi (4° B/C Isda “Preziotti”), 2° Cristiano Brucchi (4° B/C Isda “Preziotti”).

All’evento del 29 aprile hanno portato il loro saluto le autorità provinciali e comunali e sono intervenuti Aurelio Dell’Acqua (presidente Aido Fermo), il dottor Sergio Ioiò (Aido Fermo), l’architetto Mario Struzzi (governatore distrettuale del Rotary International), il medico Alberto Viozzi (coordinatore locale per i trapianti) e Rosita Mori, psicologa della Asur. Guerriero Alongi, trapiantato, nel cui petto battono due cuori, ha portato la sua straordinaria testimonianza.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2011 alle 17:52 sul giornale del 30 aprile 2011 - 1122 letture

In questo articolo si parla di attualità, centro servizi volontariato, fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kcv





logoEV
logoEV