Concerto per la Settimana Santa

3' di lettura 17/04/2011 -

Saranno le suggestive vetrate policrome e l’atmosfera di grande spiritualità del Tempio gotico di San Francesco a far da cornice al Concerto per la Settimana Santa che si terrà martedì 19 aprile alle ore 21.



Come ormai da tradizione, il Conservatorio “Pergolesi” ha predisposto un grande concerto per solennizzare la Pasqua e si appresta a realizzare i “Concerti della Settimana Santa” che saranno eseguiti non solo a Fermo ma anche nelle Cattedrali di Camerino e San Severino Marche, e nella Collegiata di San Ginesio.

Protagonisti saranno l’Orchestra e il Coro del Conservatorio, con konzertmeister Stefania Franchini e assistente del coro Alberto Ortolano, insieme alla Corale Bonagiunta di San Ginesio (direttore Mario Baldassarri) e alla voce recitante di Maria Sole Cingolani. L’intera compagine sarà diretta dalla bacchetta di Maurizio Torelli.

“Non sarà un semplice concerto, seppur bellissimo e toccante – precisa il direttore del Conservatorio Silvia Santarelli - ma anche un intenso momento di riflessione in preparazione della Settimana Santa e della Pasqua. Un progetto del nostro Conservatorio che ha trovato l’unanime ed entusiasta collaborazione di ben tre Arcidiocesi, Fermo, Macerata e Camerino”

Il presidente del C.d.A. Nella Brambatti evidenzia come “Il Conservatorio con queste produzioni metta in luce le sue capacità di progettazione oltre che di alta formazione artistico-musicale ed è importantissimo poi condividere e far fruire queste produzioni ad un pubblico più vasto possibile.”

Il programma prevede una miscellanea di brani che spaziano dal quattrocento spagnolo fino ai temi di film famosi quali Schindler's list e The Mission.

L' esecuzione musicale sarà intervallata da brani recitati da Maria Sole Cingolani e scelti dal maestro Stefania Panighini.

Il concerto si aprirà con l' esecuzione del “Popule Meus” di Da Victoria, fulgido esempio di musica sacra della scuola spagnola. “La morte di Ase” di E. Grieg, struggente brano del maestro norvegese, ci introdurrà nel mistero della morte e resurrezione di Nostro Signore. Seguiranno due brani di rara bellezza il “Crucifixus “ di A. Lotti a otto voci e il “Plorate” da lo Jepthe di G.Carissimi.

Il tema conduttore del film “Schindler’s list” dischiuderà una luce su quella che viene considerata la passione del popolo ebreo nell’ ultimo conflitto mondiale. Altro brano di inconsueta esecuzione è lo “Stabat Mater” di Schubert.

Un momento particolare sarà dedicato a Puccini con l’ elegia “Crisantemi” e il raro “Requiem” in cui il coro, sempre sommesso ed intimo, rende appieno il dolore per la morte di una persona cara, un dolore interiore e spirituale lontano da accenti operistici e plateali.

Il tema del film “The mission” di Ennio Morricone è stato usato per la realizzazione dell’“Angele Dei”, la preghiera della Chiesa Cattolica. Sarà proposto in forma solistica dove l’ oboe e il soprano duettano per poi concludere insieme l’ invocazione all’ Angelo Custode.

Il concerto terminerà con l’ esecuzione di uno dei più famosi brani sacri di tutti i tempi: l’ “Ave Verum” di Mozart.


da Conservatorio Statale di Musica “G.B.Pergolesi”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2011 alle 18:21 sul giornale del 18 aprile 2011 - 9932 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Conservatorio Statale di Musica “G.B.Pergolesi”

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jKT





logoEV
logoEV