Amandola: Falcioni su 'Ospedale e linee guida sul servizio sanitario'

letto ospedale| 2' di lettura 09/04/2011 -

In occasione del Consiglio comunale aperto avente come ordine del giorno “Ospedale di Amandola- linee guida emanate dalla Regione Marche in materia di servizi sanitari”, a cui sono stato invitato, ritengo opportuno fare alcune considerazioni come amministratore da sempre impegnato da nella battaglia per assicurare sul territorio di competenza la prosecuzione e il rafforzamento di attività essenziali per la comunità come quelle inerenti il comparto sanitario.



Innanzitutto, mi auguro vivamente il mantenimento del presidio ospedaliero di Amandola ed i servizi ad esso connessi. In questa prospettiva, il sottoscritto manifesta tutto il suo impegno affinché tale problematica possa essere assunta anche dalla assemblea consiliare provinciale di Ascoli Piceno qualora se ne creassero le condizioni in virtù di quelle sinergie e progettualità comuni tra realtà contermini che devo essere portate avanti all’insegna dell’interesse generale della popolazione senza particolarismi miopi e poco lungimiranti ed anche in virtù del fatto che una parte della provincia di Ascoli storicamente fa riferimento all’ospedale di Amandola .

Ciò premesso, mi permetto tuttavia di sottolineare che tale importante presidio, ricadente nell‘ambito sanitario ascolano, conserva i suoi servizi grazie a sacrifici che parte della popolazione picena sopporta, visti i recenti tagli al presidio di Ascoli, alcuni dei quali giocoforza in relazione ai costi necessari per la struttura ricadente nel territorio amandolese. Ciò dimostra come le nostre popolazioni si spendano e rinuncino a servizi anche per Amandola, Montefortino, Montelparo, S.Vittoria e tutto l’ambito montano attualmente ricadente nel comprensorio fermano.

Credo che queste cose sia doveroso ricordarle in occasione dell’importante appuntamento istituzionale organizzato ad Amandola che risulta anche circostanza opportuna per confermare la mia sincera sorpresa, considerata l’attuale viabilità, considerati gli ambiti giudiziari, considerata la importante presenza di una fondazione bancaria ascolana (che guarda caso ospita il Consiglio aperto), nel vedere Amandola ed il suo circondario appartenere ad altra provincia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2011 alle 18:26 sul giornale del 11 aprile 2011 - 1790 letture

In questo articolo si parla di politica, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno, amandola, ospedale di amandola

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jsj





logoEV
logoEV