Incentivo per il lavoro autonomo. Ecco il progetto 'Colombo'

10' di lettura 18/03/2011 -

Nell’ambito del Progetto Colombo, promosso dalla Provincia di Fermo, insieme a diversi partners istituzionali e associazioni di categoria delle imprese del territorio, l’Amministrazione provinciale ha ufficialmente aperto in data 15 marzo 2011 il Bando F.S.E. relativo alla concessione di contributi finanziari a fondo perduto per la creazione di nuove imprese nel territorio della Provincia di Fermo.



Di seguito si riportano i punti principali e le informazioni fondamentali per partecipare al progetto, mentre è possibile consultare il bando ufficiale, completo di tutta la modulistica sul sito istituzionale della Provincia di Fermo all’indirizzo www.provincia.fm.it o sul sito dedicato al Progetto Colombo www.provincia.fm.it/progettocolombo. Si ricorda che il termine ultimo per la presentazione dei “progetti d’impresa” è fissato al 15 aprile 2011.

Requisiti dei soggetti

richiedenti che

si propongono

di avviare

la nuova impresa

  • disoccupati e inoccupati, lavoratori in mobilità, lavoratori dipendenti, lavoratori in CIGO o CIGS, lavoratori con contratti di lavoro atipici e a causa mista, lavoratori sospesi, che usufruiscono di ammortizzatori sociali in deroga, libero professionisti iscritti ad ordini/albi professionali riconosciuti a livello nazionale, soggetti disabili e svantaggiati di cui alle D.G.R Marche 491/08 e 992/08

  • essere maggiorenni

  • essere residenti nella Regione Marche

Imprese beneficiarie

  • imprese, costituite successivamente alla data di approvazione dell’Avviso Pubblico (quindi a partire dal 16/03/11) iscritte alla CCIAA aventi almeno sede operativa nel territorio della Provincia di Fermo. La data di costituzione è rappresentata dalla data di iscrizione alla CCIAA.

  • esclusivamente Microimprese che hanno le seguenti forme: impresa individuale, società di persone, società cooperative, società di capitali con esclusione delle S.p.a e S.a.p.a.,

  • settori ammissibili: produzione di beni, commercio e servizi

Importo massimo

di contributo a fondo

perduto per

progetto d’impresa”

  • Massimo 25.000 Euro

  • Massimo 30.000 Euro per soggetti disabili o espulsi dal mercato del lavoro.

Spese ammissibili

a contributo

Entità di contributo: 40% per

  • spese per l'acquisto di macchinari, attrezzature e arredi; per l'acquisto di autoveicoli di tipo tecnico speciali o che comunque possano essere adibiti ad uso esclusivo della attività espletata;

  • spese relative ai canoni di leasing dei beni di cui alla precedente lettera A1);

  • spese per l'acquisto di hardware e di software (finalizzati all’informatizzazione e allacciamento a reti informatiche);

  • spese per l'acquisto di brevetti o licenze d'uso;

  • spese per impianti e ristrutturazioni;

  • spese di costituzione (parcella notarile e assicurazioni)

Entità di contributo: 100% per

  • spese per la fideiussione

  • spese relative alle consulenze tecniche (consulenza fiscale, gestionale e marketing);

  • spese per la frequenza di attività formative collettive o individuali dei soggetti coinvolti nel progetto di creazione di impresa

  • spese per affitto immobili;

  • spese promozionali connesse all’avviamento di imprese;

Contributi entro i limiti stabiliti dalla D.G.R. n. 2190/2009 per nuove assunzioni a tempo determinato (12/24 mesi) ed indeterminato

Data di scadenza per la richiesta del contributo (presentazione del progetto d’impresa e relativa modulistica)

15 aprile 2011

Modalità di presentazione della domanda

Che cosa

va presentato

  1. domanda di richiesta del contributo (riprodotta in fac simile nell’allegato 1 dell’Avviso Pubblico)

  2. elenco delle spese per le quali si chiede il contributo (riprodotto in fac simile nell’allegato 2 dell’Avviso Pubblico)

  3. progetto di impresa (schema di cui all’allegato 3 dell’Avviso Pubblico)

  4. curriculum vitae (schema di cui all’allegato 4 dell’Avviso Pubblico)

  5. dichiarazione sostitutiva atto di notorietà (schema di cui all’allegato 5 dell’Avviso Pubblico)

  6. dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà per soggetti eleggibili tra i soggetti disabili o svantaggiati - se pertinente (schema di cui all’allegato 6 dell’Avviso Pubblico)

  7. dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà sui contributi percepiti in regime DE MINIMIS (schema di cui all’allegato 11 dell’Avviso Pubblico)

Tutta la documentazione di cui sopra deve essere presentata in forma cartacea.

Inoltre la documentazione di cui ai soli precedenti punto 1 (domanda di richiesta del contributo) e punto 2 (elenco delle spese) deve essere prodotta inserendo i dati nell’apposito sito regionale http://siform.regione.marche.it.

Come deve essere

Presentata

la documentazione

cartacea

La domanda (unitamente a tutti gli allegati), in bollo (€14,62), deve essere inviata esclusivamente tramite raccomandata con Avviso di ricevimento, con esclusione di qualsiasi altro mezzo, entro il 15 aprile 2011, farà fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante la spedizione.

A chi deve essere

spedita

la documentazione

cartacea

Amministrazione Provinciale di Fermo

Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro

Viale Sapri n. 65

63900 Fermo

Rif. : Progetto Colombo FSE

Informazioni

Provincia di Fermo

Settore Formazione Professionale e Politiche del Lavoro

Via Sapri n.65 – Fermo

Telefono 0734.232522 - 232557




Al Bando possono partecipare sia i soggetti che nel mese di novembre 2010 hanno presentato la “manifestazione di interesse” per partecipare alle attività formative preliminari che si sono svolte tra dicembre e gennaio, che i soggetti del tutto nuovi che intendono ora prendere in considerazione l’idea di avviare una nuova impresa. Si ricorda che secondo l’apposito protocollo d’intesa, siglato il 5/08/10 tra i partner del Progetto Colombo, i soggetti interessati possono avvalersi dell’assistenza tecnica necessaria per la predisposizione sia della modulistica che dei piani d’impresa, scegliendo liberamente, se lo ritengono utile, una delle Associazioni di categoria delle imprese che hanno dato la loro disponibilità e sono le seguenti: Casartigiani Fermo, C.L.A.A.I. Fermo, Compagnia delle Opere Marche Sud, Confapi Fermo, Confartigianato Fermo, Confcommercio Fermo, C.N.A. Fermo, Confindustria Fermo, FE.N.A.I.L.P.- Fermo, Unione Artigiani Italiani Fermo, U.N.C.I. Marche.

“Con l’emanazione del bando - sottolinea il Presidente Fabrizio Cesetti - entriamo finalmente nella fase operativa del Progetto Colombo che ha suscitato un grande interesse nel territorio già nelle prime attività di animazione e formazione. Il nostro obiettivo non è quello di intervenire a pioggia spalmando il più possibile i 700.000 Euro di risorse pubbliche attualmente disponibili ma quello di individuare e sostenere in modo selettivo i migliori “progetti di impresa” espressione del territorio (circa 30/35)”.

In attesa dell’emanazione dell’analogo bando del Gal Fermano che riguarderà i 33 Comuni dell’Area Rurale, la Provincia si appresta inoltre ad emanare un ulteriore bando finalizzato a concedere ulteriori contributi per quelle imprese che, per mancanza di requisiti soggettivi e/o oggettivi, non potranno partecipare né al bando FSE in questione (quello che scade il 15/04/11), né a quello del Gal Fermano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-03-2011 alle 15:16 sul giornale del 19 marzo 2011 - 968 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iCi





logoEV
logoEV