Muore nel garage di casa per una dose di eroina, trovato dalla madre

ambulanza 1' di lettura 10/12/2010 -

Puntuale e gran lavoratore, non si presenta al lavoro. Immediata la preoccupazione che gli possa essere successo qualcosa e la conseguente telefonata del datore di lavoro ad una vicina di casa dell'uomo. Così, è stato scoperto il corpo senza vita di Anastasio Sacchini.



L'uomo, 42enne di Altidona, è stato trovato riverso a terra nel garage dell'abitazione di piazza Santa Cecilia a Marina di Altidona dove era tornato a vivere con i suoi genitori dopo la fine del proprio matrimonio. Anastasio Sacchini, secondo una prima ricostruzione da parte dei Carabinieri di Pedaso giunti sul posto con il personale del 118, sarebbe morto a causa di una dose letale di eroina.

Il 41enne, che non era un tossicodipendente noto alle Forze dell'Ordine, è stato trovato dalla madre allertata dalla vicina di casa. Scesa in garage per vedere se ci fosse l'auto del figlio, la donna ha trovato davanti ai suoi occhi il corpo senza vita dello stesso. A nulla sono serviti i tentativi di rianimazione dei sanitari del 118. L'uomo, imbianchino, era deceduto almeno due ore prima.






Questo è un articolo pubblicato il 10-12-2010 alle 23:53 sul giornale del 11 dicembre 2010 - 1010 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fermo, altidona, 118, eroina, sudani scarpini, marina di altidona, carabinieri di pedaso

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fmt

Leggi gli altri articoli della rubrica fatti tragici





logoEV
logoEV