Assemblea Upi Marche, le Province reclamano gli Ato

assemblea upi 1' di lettura 08/10/2010 -

L’Assemblea generale dell’Upi Marche, che si è svolta a Fermo, ha visto la partecipazione di tutti i presidenti della regione e di numerosi consiglieri. I temi all’ordine del giorno erano quelli relativi ai pesanti effetti della manovra finanziaria sui prossimi bilanci e, quindi, sulla reale possibilità di garantire i sevizi ai cittadini.



Tutti d’accordo sul difficile momento di svolta per le Province che, insieme agli altri Enti locali, pagano lo scotto più alto della crisi economica e si apprestano ad un federalismo fiscale ancora da definire nella concreta attuazione. Nella lunga prospettiva di risorse pubbliche ai minimi storici, la preventiva e urgente concertazione tra le Province e la Regione risulta fondamentale per predisporre bilanci, sempre più difficili, che garantiscano i servizi essenziali ai cittadini. Tempi stretti, dunque. E non solo a causa dell’emergenza crisi.

Anche per il riordino degli ambiti territoriali le Province accelerano, reclamando alla Regione Marche l’assegnazione delle funzioni delle autorità d’ambito territoriale dell’acqua e dei rifiuti, in scadenza entro un anno. A tale proposito l’Assemblea di oggi ha prodotto e votato all’unanimità un documento che si chiude con l’impegno della presidente dell’Upi Marche Patrizia Casagrande a confrontarsi al più presto con la Regione Marche perché avvii un percorso legislativo che assegni le funzioni degli Ato alle Province.



...

documento...

...





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-10-2010 alle 18:33 sul giornale del 09 ottobre 2010 - 813 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, upi, enti pubblici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/c5x





logoEV
logoEV