A Fermo l'assemblea generale dell'Upi Marche

patrizia casagrande 2' di lettura 07/10/2010 -

Venerdì 8 ottobre, si svolgerà l’Assemblea Generale dell’Upi Marche, presso l’Hotel Royal Rey di Piazza Piccolomini a Casabianca di Fermo, dalle ore 10 alle 13,30.



Tema dell’Assemblea regionale, che si svolgerà nella nuova Provincia di Fermo, sarà “La legge 122/2010 e le Province: aspetti contabili e organizzativi”. I presidenti, gli assessori e i consiglieri delle amministrazioni delle cinque Province si confronteranno sugli effetti della manovra finanziaria sui prossimi bilanci e sulla possibilità di garantire i sevizi ai cittadini Come ormai noto, i tagli colpiscono pesantemente sia la capacità di spesa che quella di investimento degli enti locali, i quali pagano ben oltre il 60% della manovra finanziaria del governo. Non è secondario ricordare il carattere strutturale della manovra stessa, laddove le indicazioni per il 2012 valgono anche per gli anni a seguire. Si tratta di un aspetto rilevante in sé perché impone di ripensare il ruolo delle Province, delle Regioni e dei Comuni sulla base dei nuovi equilibri finanziari.

E assume particolare rilievo in relazione all’annunciata approvazione dei decreti attuativi del federalismo fiscale (entro il prossimo marzo, assicura il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi). Anche a Fermo, dunque, si parlerà di federalismo nell’ottica della tutela della qualità dell’azione degli enti locali marchigiani e di un panorama politico-economico in evoluzione.

“Loro malgrado, gli Enti locali sono stati i veri protagonisti dei tagli della manovra, – afferma la presidente dell’Upi Marche, Patrizia Casagrande, - e lo saranno ancor di più nel riordino delle autonomie locali in vista del futuro assetto disegnato dal federalismo fiscale. Confrontarsi ed esprimersi sulla delicata materia è un dovere per le Province, alle quali finalmente il ministro Tremonti riconosce rilevanza costituzionale, sgomberando il campo dalle accuse di gravi sprechi nazionali addebitati ai nostri enti. Eliminando le Province, precisava l’altro ieri il ministro dell’economia alla Cmera, non si eliminerebbero i costi per strade e scuole. Paradossalmente saremo a Fermo a chiederci come garantire la realizzazione di strade e scuole sotto la scure dei tagli previsti dalla manovra”. I rappresentati delle autonomie locali sono stati invitati a portate il loro contributo ai lavori dell’Assemblea generale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2010 alle 12:13 sul giornale del 08 ottobre 2010 - 767 letture

In questo articolo si parla di attualità, patrizia casagrande, enti pubblici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cZ7





logoEV
logoEV