Cdo Marche: fare Impresa, occasione per diventare uomini

Compagnia delle Opere Marche Sud 3' di lettura 04/10/2010 -

La vita della CdO Marche Sud in questo ultimo anno è stata caratterizzata da una serie di iniziative che hanno messo a tema il cambiamento dell’io, del modo di fare impresa, come la decisiva risposta alla crisi che ha così duramente interessato tutte le imprese negli ultimi due anni.



Giusto un anno fa nell’assemblea con Giorgio Vittadini, ci siamo confrontati proprio sul tema del come affrontare la crisi in atto, abbiamo proseguito con una serie di iniziative della Scuola d’Impresa coordinata dal Presidente Bernard Scholz sui contenuti della gestione di impresa che richiedono approfondimenti e cambiamenti strategici, abbiamo proposto due work-shop con il Prof. Preti sul tema dell’impresa forte, ci siamo confrontati attraverso lo strumento delle conversazioni imprenditoriali con esperienze significative che facevano vedere modalità innovative nella conduzione d’impresa, ci siamo confrontati quotidianamente e nei vari momenti associativi di giudizio sull’esperienza reciproca che ha aiutato il percorso di ciascuno.

Come si può ben vedere ci ha sostenuto in questo lavoro una cultura dell’umano lontana da una impostazione che è tutta centrata sul tema del potere. Assistiamo ogni giorno a tutti livelli, istituzionali ed economici, sia a livello nazionale sia a livello locale, ad una lotta per il potere senza limiti come se la novità e il cambiamento dipendessero in maniera esclusiva dall’esercizio di un potere che “può guidare le masse” . E’ questa una cultura che riduce la consistenza dell’io, la sua apprezzabilità, alla quantità di potere e di successo che il singolo riesce ad esprimere e quindi l’affermazione di sé, sempre, comunque e con ogni mezzo non solo è ammissibile, ma necessaria. La violenza, la conflittualità sociale o la depressione che tale posizione provoca, l’irresponsabilità e l’irrealismo che necessariamente l’accompagnano, non aiutano ad affrontare la crisi, ma distruggono valore personale, sociale ed economico. Continuiamo quest’anno il nostro lavoro di aiuto reciproco al cambiamento attraverso il documento Fare Impresa, il manifesto CdO delle PMI che nasce dall’osservazione di significative esperienze imprenditoriali. Al centro di questo documento c’è l’attenzione ad un soggetto che esprime nell’azione una nuova consapevolezza di sé. Una consapevolezza che nasce dall’esperienza di un approfondimento dell’ umano che vede la proprio realizzazione non nell'affermazione titanica, ma nella risposta ad un compito dato. L’approfondimento dell’umano non può accontentarsi di qualcosa che sia meno della verità ed in questa scoperta della verità si comprende che la creatività ci è data per un compito ed il compito è quello di mettere al servizio il proprio talento insieme a quello dei nostri collaboratori perché il bisogno che il mercato evidenzia sia adeguatamente assunto in una continua costruzione migliorativa.

Quello che sembra una astrazione o una deviazione dalla concretezza dell’impresa e del mercato al contrario mostra la sua assoluta pertinenza pratica nel modo come si attua l’impresa. Se vogliamo essere uomini e quindi imprenditori capaci di affrontare adeguatamente la sfida del mercato e della crisi non possiamo che continuamente ricercare e riconoscere l’emergenza nella realtà di una origine che sostiene la tensione imprenditoriale e ci apre al valore dell’altro, fosse esso un collaboratore, un concorrente, un consumatore o la comunità locale di riferimento. Non possiamo fermarci all’affermazione, pur vera, del valore sociale d’impresa, ma porre in evidenza quelle esperienze che provocano al lavoro del cambiamento.

Massimo Valentini-presidente CdO Marche Sud






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2010 alle 15:09 sul giornale del 05 ottobre 2010 - 684 letture

In questo articolo si parla di Compagnia delle Opere Marche Sud

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cSQ





logoEV
logoEV