Impianto di depurazione basso Tenna, approvata in via definitiva la variante urbanistica

consiglio comunale generico 3' di lettura 01/10/2010 -

Il Consiglio Comunale, nella seduta di giovedì 30 settembre, ha approvato in via definitiva la variante urbanistica per la realizzazione dell’impianto di depurazione basso Tenna. Il nuovo impianto è nato dall’esigenza di servire la zona nord ovest della città di Fermo e non solo. Si tratta infatti di un progetto che si pone come obiettivo finale la razionalizzazione degli impianti di depurazione.



Con il nuovo impianto del lungo Tenna infatti, verrà eliminato definitivamente il depuratore di Lido di Fermo che si trova a soli 200 metri dal mare e rappresenta un ostacolo allo sviluppo turistico del territorio oltre che ad una struttura di negativo impatto visivo in un contesto costiero a ridosso del mare. Nuovo impianto che scongiurerà anche l’ipotesi, sostenuta della sinistra, di realizzare un nuovo depuratore a Campiglione di Fermo, in una zona divenuta ormai a tutti gli effetti residenziale e commerciale. Insieme a questo processo di razionalizzazione va ricordata l’attuale non conformità, ai fini della raccolta e depurazione dei reflui urbani, della zona nord della città di Fermo e di tutta l’area di Campiglione. Una carenza documentata dalla Regione Marche e che comporta pesanti sanzioni.

Non va dimenticata infatti la procedura d’infrazione comunitaria che la Commissione Europea ha avviato nei confronti della Regione Marche in merito all’irregolarità dell’agglomerato di Fermo in materia di raccolta e depurazione dei reflui urbani con relative pesanti sanzioni che, come si legge nella lettera della Regione sono: “Composte da una quota immediata, dell’ordine di grandezza dei 10 milioni di €, e di una quota giornaliera, per ogni giorno di ritardo al raggiungimento della conformità, compresa tra i 300.000 ed i 400.000 €”. In merito alla localizzazione dell’impianto il Comune di Fermo è stato sempre disponibile a trovare soluzioni alternative. L’ATO 5, a cui compete la programmazione dell’ambito territoriale, e il CIIP hanno individuato l’area di San Marco alle Paludi/San Tommaso per la localizzazione del nuovo depuratore. Al Comune di Fermo sono stati semplicemente proposti tre siti tra cui scegliere, tutti situati nell’area in questione e a circa 500/600 metri di distanza l’uno dall’altro. L’Amministrazione ha individuato quella attuale considerate anche le minime differenze con le altre soluzioni ed i più bassi costi di gestione.

“La proposta portata avanti da questa Amministrazione – spiega il Sindaco Saturnino Di Ruscio - si rivela essere invece, di fronte a tutto ciò, la più logica e seria che mira agli interessi effettivi e a lungo termine per tutto il territorio. Una scelta obiettiva che non si nasconde dietro ideologie e falsità politiche come fatto in questi mesi dall’opposizione e dall’amministrazione provinciale che proprio in questi giorni ha rivelato il suo doppio gioco, quello di approvare la conformità tecnica del depuratore e allo stesso tempo condannare lo stesso impianto. Una contraddizione che dimostra quando la Provincia di Fermo sia dissociata”.

Sindaco Di Ruscio che prosegue: “Non posso che stigmatizzare il comportamento del capogruppo del Pd Sandro Vallasciani che nel consiglio comunale di ieri ha preso le difese della Provincia di Fermo, ente del quale lui stesso è dipendente. A questo si aggiunge l’inspiegabile posizione del consigliere Donzelli che, pur dichiarando di avere a caro il futuro turistico di Lido di Fermo, ha di fatto ostacolato la chiusura del depuratore di Lido di Fermo cercando di temporeggiare sull’iter per il nuovo impianto di San Marco/San Tommaso.

In conclusione una considerazione nasce spontanea: non vorremmo che a far preoccupare il Pd sia l’ipotesi che il Ciip possa incrementare la capienza del depuratore di San Marco/San Tommaso a 100 mila abitanti andando così ad assorbire l’impianto di Porto Sant’Elpidio ”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2010 alle 20:04 sul giornale del 02 ottobre 2010 - 960 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, Comune di Fermo, depuratore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/cPM





logoEV
logoEV